whatsapp-telegram-no-numero

Sono diversi anni, ormai, che le app di messaggistica istantanea, in particolare Whatsapp e Telegram, dominano le classifiche dei principali store di app Italiani e mondiali. Tra i due principali store, Play Store e App Store, infatti, Whatsapp e Telegram hanno totalizzato più di 3.5 miliardi di download affermandosi, quindi, come due tra le app più amate e utilizzate dei consumatori di tutto il mondo.

Il potenziale di queste app, sta tutto nel fatto che, nel giro di 1-2 secondi, ci permettono di inviare messaggi, foto e video, da una parte all’altra del mondo. Nonostante tutto questo Hype che c’è dietro le due app sopra citate, però, gli utenti, ultimamente, stanno tornando a preferire uno dei metodi più utilizzato di sempre: gli SMS. Ecco di seguito i dettagli.

Whatsapp e Telegram: i due colossi della messaggistica battuti dagli SMS

Nati agli inizi degli anni 90, gli SMS sono diventati ben presto il mezzo di comunicazione più utilizzato tra gli utenti di tutto il mondo grazie alla loro velocità di utilizzo e al fatto che non necessitano una chiamata telefonica tra mittente e destinatario. Grazie agli SMS, negli anni, sono nate le prime forme di emoticon e di abbreviazioni che, tutt’oggi, continuiamo ad utilizzare.

Leggi anche:  WhatsApp saluta migliaia di utenti: nessuno vorrebbe mai questo aggiornamento

Anche se per moltissimi anni gli SMS sono stati leader indiscussi nel loro campo, con l’avvento di internet le cose sono cambiate poiché, grazie al web, chiunque è diventato capace di inviare messaggi gratuitamente. Nonostante questo, però, nell’ultimo periodo la nota società Commify ha rilevato che sono moltissimi utenti che stanno facendo dietrofront tornando, quindi, agli SMS. Che sia il momento del crollo di Whatsapp? Lo scopriremo in futuro.