Se c’è una cosa che abbiamo imparato nell’ultimo anno, è che le aziende tecnologiche non si preoccupano sempre degli utenti e della loro privacy. Che si tratti di Facebook, Amazon, Google o altro, nessuno di loro sembra davvero preoccuparsi della nostra privacy.

Non fidarsi di nessuna compagnia tecnologica

Nel 2019, i tuoi dati sono la cosa più preziosa per qualsiasi azienda. Google è in grado di fornire molti dei suoi servizi gratuitamente o a costi ridotti, perché compensa i costi raccogliendo i tuoi dati e utilizzandoli per fornire annunci pubblicitari. Ricorda, Google ricava quasi il 95 percento delle sue entrate dagli annunci. Inoltre, la raccolta dei dati consente di pubblicare annunci migliori con maggiori probabilità di essere cliccati e quindi comportando un aumento dei costi.

Lo stesso vale per Facebook. Condividiamo quasi tutto ciò che accade nel mondo su Facebook, quindi ha già un sacco di informazioni su di noi – forse più di Google. Facebook è anche una società pubblicitaria, quindi sta cercando di utilizzare tali dati per aiutarti a con annunci migliori. Tutto questo è stato amplificato con gli assistenti digitali come Amazon Alexa, Apple Siri e Google Assistant. Questi assistenti sono sempre in ascolto per aiutarti. Ma come facciamo a sapere che ascoltano quando glielo chiediamo noi? Certo, hanno tutti i pulsanti disponibili per spegnere il microfono, ma ancora una volta, come facciamo a sapere che il microfono sia davvero spento?

Non è una novità, specialmente quando si tratta di Amazon Alexa. Di recente, Amazon ha inviato migliaia di registrazioni di Alexa all’utente sbagliato. Ciò è avvenuto perché l’utente ha richiesto tutti i dati che Amazon aveva di lui – fa parte delle regole del GDPR in Europa, le aziende devono fornire tali informazioni – e Amazon gli ha fornito le informazioni sbagliate.

Molti di noi ripongono tanta fiducia in queste aziende tecnologiche. E questo è il nostro errore, come consumatori dovremmo sapere. Tuttavia, tutti i servizi offerti da queste aziende, di solito gratuiti e supportati da pubblicità, sono così buoni che ci affidiamo ad essi. YouTube, ad esempio. Passiamo tutti ore e ore su YouTube. Ed è gratuito a causa degli annunci pubblicati (c’è YouTube Premium, ma non è obbligatorio).

Con l’Internet of Things che diventa più mainstream, la privacy è a rischio?

Per sviluppare molti dei prodotti Internet of Things, in realtà ci vogliono un bel po’ di soldi. Non solo per i materiali coinvolti, ma anche per tutte le attività di ricerca e sviluppo. Ma in qualche modo le aziende, in particolare le start-up che non hanno praticamente denaro, sono in grado di mantenere questi prodotti piuttosto a buon mercato. Questo perché stanno raccogliendo i tuoi dati per compensare i costi. Questo è particolarmente vero con Amazon Echo e i dispositivi Google Home.

Leggi anche:  Android, tre semplici trucchi per registrare le nostre chiamate

I dati raccolti da Amazon e Google vengono utilizzati per migliorare i prodotti, ma anche per venderti cose. Google lo usa per venderti annunci online, visto che il tuo account Google viene utilizzato per l’Assistente digitale, oltre che sul tuo smartphone, laptop e ovunque. È facile mostrare gli annunci in base a ciò che hai chiesto all’Assistente Google. Quando si tratta di Alexa, in realtà non ti vende annunci (ancora). Ma Alexa è usata come una finestra nel negozio di Amazon. Quindi se chiedi ad Alexa una certa cosa, potresti vederla apparire sotto gli articoli consigliati sul sito di Amazon al prossimo accesso.

Smart Home che diventano una spia

Ci sono tante aziende che offrono spazio di archiviazione sul cloud per poter salvare clip registrati dalle telecamere all’interno e intorno a casa tua. Ci sono ad esempio Arlo e Nest che probabilmente pensi stiano facendo la stessa cosa. Quindi, se stai pensando di evitarli, dal momento che “spiano gli utenti”, dovresti evitare tutte le società che realizzano telecamere di sicurezza per la tua casa. In particolare se con WiFi.

Conclusioni

Vivere nel 2019 significa rinunciare alla nostra privacy. Ovviamente le considerazioni fatte fino ad ora non sono delle accuse rivolte alle aziende citate che svolgono semplicemente il loro lavoro. Piuttosto è un modo per riflettere in quanto siamo noi artefici di tutto ciò che queste aziende riescono a fare con i nostri dati, poiché siamo noi a dare il consenso e a pretendere che tutti i servizi siano gratuiti o economici. Dunque, se pretendiamo un tale compromesso, dobbiamo accettare – come infatti facciamo – che queste aziende abbiano accesso a tutti i nostri dati.