Nonostante l’ampia varietà di smartphone Samsung, la linea di punta “Galaxy S” rimane la più conosciuta. I dispositivi di tale serie sono uno dei motivi principali per cui l’azienda ha goduto di un tale successo negli anni, alla pari degli iPhone. Ripercorriamo insieme la storia di questi device.

Samsung Galaxy S

Annunciato a marzo 2010, si è rivelato un vero successo per l’azienda. Nel giro di tre anni la società è riuscita a vendere 25 milioni di unità Galaxy S. Ci sono stati anche due successori: Galaxy S Plus e Galaxy S Advance. Il Galaxy S in particolare era caratterizzato da un tasto home fisico sotto il display e da un tasto capacitivo su ciascun lato. Aveva uno schermo da 4 pollici e processore Samsung Exynos 3110 – una CPU single-core. Fornito con Android 2.1 Eclair, successivamente aggiornato ad Android 2.3 Gingerbread. 512 MB di RAM e una memoria da 8 GB o 16 GB. Inoltre, c’era una fotocamera VGA sul retro e una batteria rimovibile da 1.500 mAh.

Samsung Galaxy S2

Il Samsung Galaxy S2, ufficialmente noto come Galaxy SII, è stato annunciato a febbraio 2011, quasi un anno dopo. Il Galaxy S2 ha migliorato la qualità di costruzione del Galaxy S, anche se ancora in policarbonato (plastica). Supportava una batteria rimovibile da 1.650 mAh proprio come il modello della prima generazione. Il tasto home fisico ha fatto il suo ritorno insieme a due pulsanti capacitivi e una fotocamera da 8 megapixel.

Il dispositivo è arrivato con uno schermo più grande rispetto al Galaxy S, in quanto includeva un pannello Super AMOLED da 4,3 pollici. L’ Exynos 4210 Dual / TI OMAP 4430 / Snapdragon S3 alimentava il Galaxy S2 (a seconda del modello e del mercato), ed era accoppiato con Android 2.3.4 Gingerbread. Il dispositivo ha ricevuto numerosi aggiornamenti con Android 4.1 Jelly Bean. Il Galaxy S2 è stato un vero successo per Samsung con oltre 40 milioni di unità vendute.

Samsung Galaxy S3

Il Samsung Galaxy S3, noto anche come SIII, è stato annunciato a maggio 2012. Caratterizzato da un display Super AMOLED HD da 4,8 pollici, 1 GB di RAM e arrivava con tre varianti di archiviazione disponibili. L’Exynos 4412 Quad / Snapdragon S4 (a seconda della variante / mercato) alimentato il dispositivo. Inclusa una fotocamera da 8 megapixel sul retro. Android 4.3 Jelly Bean è stato l’ultimo aggiornamento ufficiale reso disponibile. Samsung è riuscita a vendere complessivamente ben 70 milioni di unità Galaxy S3.

Samsung Galaxy S4

Il Galaxy S4 è stato annunciato a marzo 2013 e assomigliava molto al Galaxy S3, anche se le sue cornici erano più sottili. Il dispositivo era realizzato in plastica, mentre il tasto home si trovava sotto il display, insieme a due tasti capacitivi simili al Galaxy S3. Sfoggiava un display più grande rispetto al Galaxy S3, grazie a un pannello FullHD Super AMOLED da 5 pollici, ed era alimentato dall’Exynos 5410 Octa / Snapdragon 600 – una speciale variante LTE-A che arrivò più tardi spedita con la CPU Snapdragon 800.

L’ultimo aggiornamento ufficiale ricevuto è stato Android 5.0.1 Lollipop. Sul retro è stata inclusa una fotocamera da 13 megapixel e il dispositivo era inoltre alimentato da una batteria rimovibile con capacità di 2.600 mAh. Samsung è riuscita a vendere 4 milioni di unità Galaxy S4 nei primi quattro giorni, con 10 milioni venduti nei 27 giorni successivi alla sua uscita. La società ha impiegato sei mesi per vendere oltre 40 milioni di unità Galaxy S4.

Samsung Galaxy S5

Il Galaxy S5 è stato il terzo dispositivo di fila che ha apportato leggere modifiche al design. Il telefono era ancora realizzato in policarbonato (plastica) e sfoggiava un tasto home/ capacitivo molto simile al Galaxy S3 e S4. Il design complessivo era cambiato così poco che in realtà era abbastanza facile confondere il Galaxy S5 con la versione precedente. Il dispositivo è stato annunciato a febbraio 2014 con un display Super AMOLED FullHD da 5,1 pollici ed è stato il primo telefono con marchio Galaxy S ad offrire resistenza all’acqua e alla polvere (classificazione IP67).

Il Galaxy S5 supportava Snapdragon 801 / Exynos 5 Octa 5422 SoC. Includeva 2 GB di RAM e 16 GB / 32 GB di memoria espandibile e la batteria rimovibile con capacità di 2.800 mAh. Il Galaxy S5 è stato anche il primo telefono con marchio Galaxy S ad offrire uno scanner di impronte digitali. Samsung ha venduto 12 milioni di unità Galaxy S5 nei primi tre mesi di vendite, ma nel complesso le vendite sono state deludenti considerando che la società ha venduto il 40% in meno di unità rispetto a quanto previsto.

Samsung Galaxy S6

Annunciati a marzo, nel 2015, Galaxy S6 e S6 Edge. Un terzo modello, Galaxy S6 Edge + è stato lanciato in seguito, ad agosto. Galaxy S6 e S6 Edge avevano schermi delle stesse dimensioni, anche se il pannello del Galaxy S6 Edge era curvo. Entrambi hanno incluso un display QHD da 5,1 pollici ed entrambi sono stati alimentati dall’Exynos 7420. Samsung aveva anche cambiato i materiali di costruzione per questi due telefoni, poiché erano fatti di metallo e vetro anziché plastica. I tasti di navigazione capacitivi erano di nuovo parte del pacchetto e entrambi i telefoni includevano 3 GB di RAM con tre diverse opzioni di archiviazione tra cui scegliere.

Il Galaxy S6 Edge + era essenzialmente una variante più ampia del Galaxy S6 Edge, in quanto includeva un display curvo QHD + Super AMOLED da 5,7 pollici, e aveva 4 GB in più di RAM, oltre a una maggiore capacità  della batteria (3000 mAh) rispetto a i 2.600 mAh forniti con Galaxy S6 Edge. Android 5.0.2 Lollipop è stato preinstallato sul Galaxy S6 e tutti i modelli Galaxy S6 sono stati infine aggiornati ad Android 8.0 Oreo – l’ultimo aggiornamento ufficialmente disponibile per la serie Galaxy S6. Samsung è riuscita a vendere 10 milioni di telefoni della serie Galaxy S6 entro un mese dal rilascio.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S10, un bug rende il device accessibile a tutti

Samsung Galaxy S7

La serie Galaxy S7 è stata annunciata a febbraio 2016. Samsung ha lanciato in particolare due telefoni, Galaxy S7 e S7 Edge, mentre S7 Edge + non è mai diventato realtà. Molto simile a Galaxy S6 e S6 Edge, Galaxy S7 e S7 Edge si differenziavano in termini di display. A differenza della serie Galaxy S6, questi due display non erano identici in termini di dimensioni. Inoltre, il modello europeo della serie Galaxy S7 è stato alimentato dall’Exynos 8890 mentre la versione americana è stata spedita con Snapdragon 820.

Galaxy S7 e S7 Edge includevano 4 GB di RAM e erano disponibili in diverse varianti di archiviazione. Una singola fotocamera da 12 megapixel è stata inclusa sul retro di ogni dispositivo. Lo scanner per impronte digitali rivolto in avanti era di nuovo in vigore insieme ai tasti di navigazione. Android 6.0 Marshmallow è stato preinstallato sui telefoni Galaxy S7 e Android 8.0 Oreo è stata l’ultima versione ufficiale di Android distribuita su ciascun dispositivo. Questi due telefoni furono le prime unità con marchio Galaxy S ad offrire la ricarica wireless. Samsung è riuscita a spedire tra 7 e 9 milioni di unità Galaxy S7 nel primo mese di vendite e ha venduto un totale di 48 milioni di unità nel 2016.

Samsung Galaxy S8

La serie Galaxy S8 è stata lanciata a marzo 2017 ed è stata una svolta. I modelli Galaxy S8 e S8 + sono stati introdotti identici in termini di display, ma diversi in termini di dimensioni. Entrambi i telefoni sono dotati di display QHD + Super AMOLED curvo, ma il Galaxy S8 + ha uno schermo di 6.2 pollici rispetto al Galaxy S8 da 5,8 pollici. Inoltre, entrambi i modelli sono arrivati ​​con cornici molto più sottili rispetto alla serie Galaxy S7. Con il Galaxy S8, Samsung ha spostato lo scanner delle impronte digitali dalla parte anteriore a quella posteriore, in una posizione scomoda e difficile da raggiungere. L’Exynos 8895 ha alimentato la variante europea del Galaxy S8, mentre lo Snapdragon 835 è stato incluso nel modello statunitense.

La batteria è un’altra area di differenza con il modello standard dotato di una batteria con capacità di 3.000 mAh rispetto ai 3.500 mAh supportati dalla ricarica wireless. Android 7.0 Nougat è stato preinstallato su entrambi i telefoni poi aggiornati ad Android 8.0 Oreo. La serie Galaxy S8 ha venduto il 30% in più rispetto alla serie Galaxy S7 durante i primi mesi successivi alla pubblicazione, sebbene Samsung non abbia mai dichiarato alcun dato ufficiale di vendita. In entrambi i casi, il Galaxy S8 e S8 + sono stati etichettati come un enorme successo per l’azienda.

Samsung Galaxy S9

La serie Samsung Galaxy S9 è arrivata a febbraio 2018 con Galaxy S9 e S9 +. Entrambi questi dispositivi sono stati realizzati in metallo e vetro, e l’unica differenza tra i due, a parte le dimensioni della batteria e l’ingombro generale, è nella fotocamera: il Galaxy S9 + offre due fotocamere posteriori, mentre il Galaxy S9 viene fornito con una sola. Entrambi i dispositivi hanno display QHD + Super AMOLED curvi, rispettivamente da 5,8 pollici e 6,2 pollici. Tutti e due includono uno scanner per impronte digitali posizionato posteriormente e certificati IP68 per resistenza all’acqua e alla polvere.

L’azienda ha optato per batterie da 3.000 mAh e 3.500 mAh rispettivamente, e per diversi SoC in diversi mercati: Exynos 9810 e Snapdragon 845. Android 8.1 Oreo è stato preinstallato sui due telefoni ed entrambi sono stati poi aggiornati ad Android 9 Pie. Samsung non ha rilasciato i numeri ufficiali di vendita per la serie Galaxy S9, ma la società ha descritto le vendite “lente”. Un sentimento condiviso dagli analisti che hanno suggerito che il Galaxy S9 non ha venduto come il Galaxy S8.

Samsung Galaxy S10

Nel febbraio 2019, Samsung ha presentato la sua serie di dispositivi Galaxy S10, durante l’evento per il decimo anniversario della serie di smartphone Galaxy S. Tra l’altro, per la prima volta in assoluto, Samsung ha introdotto quattro dispositivi. La serie Galaxy S10 è composta dai Galaxy S10e, S10, S10 + e S10 5G. Tutti questi dispositivi hanno un aspetto simile e sono alimentati dallo stesso SoC ( Exynos 9820/Snapdragon 855, a seconda del mercato), ma sono anche molto diversi.

Il Galaxy S10e è il più piccolo Galaxy S10 con display da 5,8 pollici, ed è anche l’unico dispositivo S10 a sfoggiare un display piatto, uno scanner per impronte digitali laterale, display FullHD + Dynamic AMOLED e due fotocamere sul retro. Galaxy S10 e S10 + includono display AMOLED dinamici curvi QHD + (rispettivamente da 6,1 e 6,4 pollici), tre fotocamere sul retro e scanner di impronte digitali integrati nel display. Il Galaxy S10 5G è molto simile al Galaxy S10 +, ma sfoggia quattro fotocamere sul retro, un display da 6,7 ​​pollici più grande e connettività 5G. Samsung ha anche, per la prima volta, introdotto uno smartphone con una piastra posteriore in ceramica, il Galaxy S10 +, top di gamma dotato di 12 GB di RAM. Il prezzo della serie Galaxy S10 parte da 749 dollari negli Stati Uniti e supera i 1.000 dollari.