Apple

L’azienda Apple, oggi 30 aprile 2019 annuncerà i risultati fiscali del secondo trimestre del 2019, ma gli analisti di Wall Street prevedono risultati pessimi, con risultati che portano al ribasso di circa il 6%.

La media delle quattro principali proiezioni, ha previsto una contrazione di circa il 6%, come anticipato poco fa, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con ricavi che potrebbero essere intorno ai 56 miliardi di dollari.

 

Apple secondo gli analisti ancora al ribasso nel secondo trimestre

Il risultato delle proiezioni di cui abbiamo appena parlato, si trova più o meno a metà strada con le precedenti previsioni dell’azienda di Cupertino per il periodo in questione, ovvero tra 55 e 59 miliardi di dollari. Le analisi che sono state prese in considerazione sono Apple 3.0, Visible Alpha, Thomson Reuters ed Estimize. Essendo il secondo trimestre in dirittura d’arrivo, l’attenzione è ormai spostata sulle proiezioni che l’azienda potrebbe annunciare per il terzo trimestre.

Leggi anche:  Cellulari: alcuni modelli Nokia e Motorola valgono ben 1000 Euro

La maggior parte delle stime che riguardano questo periodo sono negative e prevedono un calo che va dall’1.39% al 2.6%, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, fatta eccezione per Estimize, che si aspetta un aumento delle entrate pari all’1.39%. Se vi ricordate, anche per il primo trimestre l’azienda ha dovuto rivedere le proprie stime ed adottare politiche per far fronte alla contrazione delle vendite di iPhone in alcuni mercati.

A questo proposito, gli analisti prevedono che ci potrebbero essere degli ulteriori taglio ai prezzi, soprattutto per iPhone XR, che doveva essere un altro iPhone economico ma che in realtà di economico ha ben poco. La riduzione dovrebbe però riguardare la Cina dove Apple continua ad avere una situazione critica. L’azienda sta comunque investendo molto sui servizi, settore in cui non dovrebbe perdere ma guadagnare, sempre secondo le stime.