zte-5g-smartphone

L’anno scorso ZTE ha passato un anno terribile visto che insieme a Huawei aveva ricevuto sanzioni per via dei suoi commerci con l’Iran e anche per altre azioni. Il governo statunitense sembra essere stato più duro con la piccola compagnia cinese, piccola in senso relativo rispetto ai profitti del colosso connazionale. Il tutto si è tradotto con perdite per miliardi di dollari nel 2018 e il rischio concreto di dover chiudere i battenti o comunque ridurre drasticamente il lavoro.

Nonostante questa premessa sembra che questo nuovo anno si in realtà partito col piede giusto o almeno è quello che viene mostrato nei dati relativi al primo trimestre di quest’anno. Si parla di un utile operativo da capogiro ovvero 22.202 miliardi di yuan ovvero oltre 3 miliardi di dollari. Questa è stata ovviamente una boccata d’aria per le tasche della compagnie e per gli investitori che al momento si sentono più tranquilli.

Leggi anche:  Oppo punta al 5G e renderà compatibili tutti gli smartphone 2020

 

L’anno di ZTE

Questa buona partenza sta rendendo le previsioni per il resto dell’anno plausibile mentre fino a poco tempo fa potevano risultare da fantascienza. Già sempre per il primo trimestre le previsioni erano di un utile netto di 1.2 miliardi di yuan e direi che il risultato è stato centrato e anche di molto. Parte del successo arriva dagli investimenti, giusto per sottolineare che a volte bisogna spendere per guadagnare. Quest’ultimi sono stati fatti in ottica della tecnologia 5G tanto che le spese sono aumentate fino a raggiungere i 3 miliardi di yuan. Se la compagnia continuerà così allora il suo futuro sarà più che roseo.