fotocamere particolari

Fin dalle prime fotocamere frontali comparse ormai 16 anni fa, si è cercato il modo più originale per inserirle nel cellulare/smartphone.

Sul versante smartphone iPhone 4 è stato il primo di Apple, Samsung invece con il Galaxy i7500 il primo Android con fotocamera frontale nel 2010.

Dopo la stagione 2018 votata al notch, quella 2019 sembra esplorare finalmente nuovi orizzonti, con sistemi scorrevoli, a scomparsa e, nuovamente, rotanti.

Gli smartphone con la fotocamera più originale: dal Vivo Nex A al Samsung A80

Vivo Nex A

Vivo Nex

Vivo con il suo NEX A (e con il modello top di gamma NEX S) ha realizzato una tra le più minimal fotocamere presenti su uno smartphone. Elegantissima infatti l’apertura periscopica con un sensore all’interno da 8 megapixel e diaframma da f 2.0.

Si alza dal bordo superiore grazie ad un motorino, lasciando quindi il display libero e pulito, con un rapporto “screen to body” del 91,24%.
Troviamo inoltre il lettore per le impronte digitali sotto il display.

I sensori però sono stati rimescolati un po’ ovunque: quello per la luce ambientale per esempio, è sotto il display.
Con la tecnologia SoundCasting lo stesso schermo funge da speaker, vibrando perfino quando si ascolta la musica a tutto volume.

Oppo Find X

Oppo Find X

Sul Find X di Oppo troviamo una soluzione simile a quella realizzata da Xiaomi con il suo Mi Mix 3.
Infatti sullo slider troviamo sia il sensore per la fotocamera anteriore (da ben 25 megapixel) ma anche quelli per le fotocamere posteriori (da 16 e 20 megapixel).

Lo schermo invece è un Oled e ha un rapporto fra schermo e cornici pari al 93,8%.

Non abbiamo il lettore per le impronte digitali ma soltanto lo sblocco del volto mediante scansione 3D.

Xiaomi Mi Mix 3

Xiaomi Mi Mix 3

Xiaomi con la serie Mi Mix ci ha sempre abituato a smartphone dal design iconico e particolare. Di fatto con il Mi Mix e Mi Mix 2S , Xiaomi aveva inserito la fotocamera nello spigolo in basso a destra.

Con una soluzione simile a quella di Oppo, abbiamo anche qui uno slider che scorre verso l’alto liberando la fotocamera anteriore e tutti i sensori.
Bellissimo lo schermo da 6,39 pollici con bordi sottilissimi.

Noi di Tecnoandroid lo abbiamo recensito e sebbene lo smartphone ci sia piaciuto tantissimo, abbiamo trovato il meccanismo di slider un po’ scomodo nell’uso quotidiano quando vogliamo fare un selfie al volo.

Leggi anche:  PlayStation 5: la prossima console avrà SSD, ray tracing e altro

Il device però, ci ha comunicato comunque un grande senso di solidità e di sicurezza.

D’altronde la casa produttrice dichiara che lo slider è garantito fino a 300.000 cicli.

La fotocamera si comporta molto bene con scatti nitidissimi grazie ai 24 megapixel e con un ottimo sfocato, merito di una fotocamera da 2 megapixel con l’effetto per la profondità di campo e l’intelligenza artificiale.

Samsung Galaxy S10 Plus

S10 Plus vanta una soluzione con foro “in-hole” per la fotocamera frontale doppia con all’interno due sensori.
Il top di gamma di casa Samsung, così come la versione 5g, risparmia una notevole porzione di spazio sul fronte grazie ai bordi laterali curvi e con quelli superiori e anteriori ridotti ai minimi termini.

La fotocamera anteriore principale è da 10 megapixel con apertura f 1.9, mentre la seconda da 8 megapixel con apertura f 2.0, utile per gli scatti con lo sfondo sfocato.

Qui potete trovare la nostra recensione.

Oppo Reno

Oppo Reno

Oppo Reno (nelle sue due varianti) è uno presentato poche settimane fa e che vedrà la luce in Italia fra qualche mese.
La sua particolarità è la strana fotocamera anteriore che si apre come un ventaglio, a mo’ di “pinna di squalo“, molto asimmetrica e originale.

La risoluzione del sensore della fotocamera è di 16 megapixel con apertura f 2.0 e l’azienda assicura 200.000 aperture.

Samsung Galaxy A80

Samsung Galaxy A80

Soluzione non proprio innovativa e originale per Samsung.

Di fatto, nel lontano 2014, Oppo con il suo N1 aveva realizzato un design con un meccanismo che ruotava il sensore dal retro al fronte, utilizzando così, una sola fotocamera.

Samsung ha ripreso tale tecnologia, unendo però un meccanismo scorrevole.

Di fatto si può avere un display tutto schermo e utilizzare allo stesso tempo un solo comparto fotografico d’eccellenza.
Troviamo infatti una fotocamera da 32 megapixel con apertura f 2.0, una da 8 megapixel con sensore grandangolare a 123° e apertura f 2.2; infine un terzo sensore per realizzare scatti con un bokeh meraviglioso grazie all’apertura da f 1.2.