apple

Un diciottenne newyorkese ha avviato una causa da 1 miliardo contro Apple lunedì, sostenendo che il suo software di riconoscimento facciale lo ha collegato in modo scorretto a furti in diversi negozi.

Ousmane Bah è stato arrestato dagli agenti della polizia di New York il 29 novembre dopo essere stato accusato di furti presso un Apple Store a Boston, New Jersey, uno in Delaware e un altro a Manhattan, secondo la sua causa.

La denuncia dice che il vero ladro è stato sorpreso a rubare 1200 dollari di merce (in particolare Apple Pen) dal negozio di Boston lo scorso maggio. La persona ha usato un ID rubato che includeva il suo nome, indirizzo e altri dettagli personali, ma non la sua foto, ha notato.

 

Tutto iniziò da Boston

Il primo indizio di Bah fu una citazione di un tribunale municipale di Boston, ma non era mai stato in città e apparentemente stava assistendo al suo ballo di fine anno a Manhattan il giorno del furto.

Leggi anche:  Apple, il chip 5G potrebbe arrivare non prima del 2022

Apple avrebbe presumibilmente programmato il sistema di riconoscimento facciale dei suoi negozi per riconoscere la faccia del vero ladro come quella di Bah, così ha avuto la colpa delle successive rapine. Tuttavia, un detective della polizia di New York che ha visto filmati di sicurezza dal negozio di Manhattan ha capito che il sospettato “non somigliava affatto” a Bah.

L’uso del software di riconoscimento facciale nei negozi Apple “è il tipo di sorveglianza  che i consumatori temono, soprattutto perché si può presumere che la maggior parte dei consumatori non sia consapevole che i loro volti vengono segretamente analizzati“. Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.