alternative-Whatsapp-messaggi-cancellati-facebook-assisnte-virtuale

Facebook sta pianificando il proprio assistente vocale mentre sembra aumentare la competizione con Siri e Alexa. Secondo un rapporto di CNBC, la società ha lavorato su questo assistente AI dall’inizio del 2018. È stato scoperto che la compagnia ha provato e non è riuscito a lanciare un concorrente Siri nel 2015.

Il team di sviluppo dell’assistente virtuale di Facebook è guidato da Ira Snyder, che funge anche da direttore della società per la realtà aumentata. Quel team è anche responsabile delle varie iniziative hardware di Facebook.

Facebook ha già provato a creare un proprio assistente

Un team con sede a Redmond, nello stato di Washington, ha guidato lo sforzo di costruire il nuovo assistente AI. Questo secondo due ex dipendenti della piattaforma social che hanno lasciato la compagnia negli ultimi mesi. Lo sforzo è guidato da Ira Snyder, direttore di AR / VR e Facebook Assistant.

Ci sono domande su come Facebook renderebbe un assistente virtuale disponibile agli utenti, visto che attualmente non offre uno smartphone di alcun tipo. Ci sono alcune possibilità che CNBC delinea, compresa l’integrazione negli auricolari Oculus, nonché i suoi altoparlanti intelligenti.

Leggi anche:  Social Network: secondo l'esperto i divieti ai ragazzi non servono

Il rapporto della CNBC afferma che Facebook “ha contattato i venditori nella catena di fornitura di altoparlanti intelligenti” mentre sviluppa il proprio assistente. Dato che il team AR / VR sta guidando lo sviluppo dell’assistente anche su hardware, questa sembra una possibile soluzione.

Non è chiaro in che modo esattamente Facebook immagina le persone che usano l’assistente. Potrebbe essere potenzialmente utilizzato negli altoparlanti intelligenti della videochat di Portal, nelle cuffie Oculus o in altri progetti futuri.

La società offre attualmente il suo display smart Portal, ma si affida alla piattaforma Alexa di Amazon per le interazioni vocali. Teoricamente, Facebook sarebbe in grado di liberare completamente la sua dipendenza da Amazon se dovesse sviluppare con successo il proprio assistente virtuale.

Ovviamente, la compagnia affronta una dura competizione nello spazio degli assistenti virtuali. Alexa di Amazon è un leader indiscusso, mentre Apple sta aumentando il team attorno a Siri. Facebook ha cercato di entrare nel settore dell’assistenza AI nel 2015 con il suo assistente virtuale “M” per Messenger. Quel progetto è stato infine ucciso a causa della mancanza di utilizzo.