apple-iphone-nfc-brexit-ue-passaporto

Lo scorso novembre è stato rivelato che il governo del Regno Unito stava lavorando per convincere Apple ad aprire il chip NFC per iPhone. Questo avrebbe consentito ai cittadini dell’UE di scannerizzare i loro passaporti post Brexit. Ora, il governo britannico afferma di aver raggiunto un accordo con Apple per accedere alla tecnologia NFC di iPhone.

Il governo del Regno Unito ha lanciato un’app che aiuta i cittadini dell’UE a richiedere la residenza nel Regno Unito post-Brexit. Il processo richiede che le persone compili un breve modulo, scattino un selfie e scansionino il loro passaporto con NFC. La funzionalità NFC dell’iPhone, tuttavia, supporta solo il formato dei dati NDEF. I dati codificati all’interno dei passaporti non seguono questi standard.

Apple e Regno Unito, l’accordo c’è

L’anno scorso, il segretario di casa del Regno Unito, Sajid Javid, ha detto che il governo “continua a impegnarsi con Apple al più alto livello”. Ora, tali negoziati sembrano aver dato i suoi frutti.

Come dettagliato oggi da NFC World, Apple estenderà le funzionalità NFC di iPhone per supportare l’uscita EU: ID Document Check application. Il processo è stato segnalato per la prima volta da The Guardian la scorsa settimana.

Leggi anche:  Apple, nuovi indizi sui tappetini AirPower per la ricarica wireless

Il segretario di casa Javid ha detto: “Il nostro sistema di regolamento dell’UE è ora attivo e funzionante e dopo il successo del lancio, oltre 280.000 cittadini dell’UE hanno fatto domanda affinché possano continuare a vivere le loro vite come fanno ora”.

“Sono inoltre lieto di confermare che Apple renderà disponibile l’app per il controllo dei documenti di identità sui loro dispositivi entro la fine dell’anno”, afferma il segretario di casa Sajid Javid.

Questo quasi certamente non significa che Apple stia espandendo le funzionalità NFC di iPhone a tutti gli sviluppatori. Invece, questo è probabilmente un progetto una tantum con il governo dell’UE per l’applicazione post Brexit. Se Apple non avesse raggiunto un accordo con il governo del Regno Unito, ai cittadini dell’UE sarebbe stato richiesto di prendere in prestito un telefono Android per utilizzare l’applicazione EU Exit o compilare i documenti fisici.