polestar

Quando Polestar ha svelato la sua hatchback Polestar 2 al Salone di Ginevra, la casa automobilistica ha dichiarato che sarebbe stata costruita in Cina, ma non ha specificato dove esattamente.

Polestar ha annunciato venerdì che costruirà Polestar 2 in uno stabilimento a Luqiao, nella provincia cinese dello Zhejiang. La produzione dovrebbe iniziare nei primi mesi del 2020, con il veicolo in vendita come modello 2021.

Lo stabilimento di Luqiao è di proprietà di Geely, il conglomerato che possiede Lotus, Lynk & Co, Polestar e Volvo. A tal fine, lo stabilimento di Luqiao sarà anche la nuova sede dei SUV Volvo XC40 destinati al mercato cinese. In precedenza, tutte le XC40s sono state costruite in Belgio, e questa mossa consente a Volvo di avvicinarsi alle zone dove l’auto è più richiesta, riducendo la complessità delle consegne. Lo stabilimento di Luqiao costruisce già il SUV Lynk & Co 01. Tutti e tre i veicoli condividono la stessa piattaforma CMA.

 

Leggi anche:  Apple ha riparato migliaia di iPhone falsi prima di capire la truffa

Le novità sono molte

Inoltre, Polestar ha annunciato anche che aprirà il suo primo “negozio fisico”  in Cina nel terzo trimestre del 2019. Il primo spazio, annunciato lo scorso ottobre, aprirà in Norvegia a metà 2019. Complessivamente, Polestar stima che aprirà circa 20 diversi store in 11 città cinesi nel 2020.

Il nuovo SUV Polestar 2 sembra essere un promettente avversario della Tesla Model 3. La società spera che la sua batteria da 78 kWh consentirà un’autonomia stimata di 275 miglia (il suo obiettivo è di circa 310 miglia secondo lo standard europeo WLTP). Con due motori elettrici, uno su ciascun asse, e una potenza stimata di 408 cavalli e una coppia di 487 libbre di coppia, dovrebbe essere anche performante in termini di prestazioni. Esiste anche la possibilità di acquistare un pacchetto di prestazioni opzionali che prevede ammortizzatori Öhlins e freni Brembo.