Google Maps pubblicitàIl prossimo aggiornamento Google Maps potrebbe essere scioccante per tutti.  Ad annunciare il prematuro abbandono in massa degli utenti è SlashGear, che in un nuovo post anticipa quello che potrebbe essere considerato come il peggiore update di sempre. Nessuno ci aveva mai pensato ma la notizia più brutta è arrivata e potrebbe non volerci molto prima che vanifichi gli effetti dei nuovi esilaranti aggiornamenti discussi in questi giorni. Scopriamo che cosa sta succedendo di così clamoroso da scatenare il pandemonio più assoluto.

 

Google Maps: che aggiornamento terribile per tutti noi!

Arriva la pubblicità Google Maps. Siamo abbastanza sicuri che vi sia preso un colpo nell’apprendere la notizia. Non è una fake news, ma quanto auspicato da un nuovo articolo online che sta facendo il giro del mondo alla velocità della luce. Il noto sistema di esplorazione e navigazione made by BigG continuerà (più o meno) ad essere Gratis, a patto di sorbirsi qualche annuncio pubblicitario qui e là nel corso delle ricerche online.

Leggi anche:  Google Maps, attenzione all'app: c'è una pericolosa truffa per Android

La fruibilità ne risentirà, tanto da spingere parecchi utenti ad orientarsi verso altre soluzioni più libere e comuni, magari anche in modalità offline. La società non ha ancora confermato nulla ma – a fronte di un parere positivo – tutto potrebbe cambiare drasticamente così come preventivato per app del calibro di Whatsapp. Alcuni screen concessi dalla redazione di 9to5Google sembrano comunque confermare questa nuova direzione.google maps adsCome per Facebook è così con Google, a quanto pare. Ciò ha perfettamente senso, considerando che anche le semplici ricerche online rimandano agli spostamenti con il sistema di navigazione verso aziende e luoghi di pubblico interesse. In tal modo le aziende potranno avere ben in evidenza il loro sponsor monetizzando tramite la pubblicità in-app per le ricerche.

Voi che cosa ne pensate al riguardo? Vi darebbe fastidio una cosa del genere? A voi i commenti. Potete approfondire ulteriormente alle FONTE.