Twitter

Il social network Twitter ha deciso di migliorare la sicurezza della propria piattaforma, inserendo un nuovo limite giornaliero di follow. La scelta è stata pensata per contrastare lo spam.

Ad annunciarlo è la stessa piattaforma di notizie e microblogging, attraverso il proprio account ufficiale, Twitter Safety. Il nuovo limite comporterà una riduzione non indifferente. Scopriamo tutti i dettagli.

 

Twitter riduce drasticamente il numero giornaliero di follow

Dopo l’introduzione di qualche giorno fa del nuovo tema scuro, dedicato all’applicazione Mobile, oggi arriva questa nuova comunicazione. La piattaforma ha confermato una nuova modifica che comporterà una riduzione del numero di account che si potranno seguire ogni giorno. Più precisamente il numero passerà da 1000 a 400. Il social network ha deciso di ridurre drasticamente il numero di account da seguire, anche se la cifra non è proprio così bassa.

Come anticipato precedentemente, la scelta è stata presa per combattere gli spam. Gli spammer infatti utilizzavano la strategia di seguire il maggior numeri di account possibili, per ricevere il followback, ovvero il ricambio del follow. L’account spammer segue un numero elevato di utenti, per ricevere a sua volta un follow dalle proprie vittime. Una volta passato un determinato periodo e, accumulato un buon numero di account che lo seguono, lo spammer effettua un defollow per non destare sospetti.

Leggi anche:  Facebook: la nuova criptovaluta potrebbe arrivare nel mese di giugno

Ecco parte del comunicato: “Per evitare lo spam e la manipolazione delle relazioni di follow, oltre che per garantire l’affidabilità del sito, ci sono dei limiti tecnici riguardo al numero di account Twitter che puoi seguire. Tali limiti sono determinati in funzione della frequenza con cui inizi a seguire nuovi account e del numero di follower che hai. Inoltre, poiché le relazioni di follow su Twitter non sono per natura reciproche, abbiamo anche definito alcune regole relative ai comportamenti di follow per promuovere l’autenticità delle esperienze“.