fiat

Fiat Chrysler Automobiles pagherà a Tesla una notevole quantità di denaro per rientrare negli standard di costruzione Tesla, e rendere la sua tecnologia parte della flotta FCA in Europa. Questa mossa, riportata per la prima volta dal Financial Times, consentirà a Fiat Chrysler di rimanere conforme alle rigide normative europee sulle emissioni, nonostante il suo portfolio di veicoli elettrici sia ancora poco fornito.

Naturalmente, per rientrare in conformità con le norme e serviranno risorse economiche. Il rapporto del Financial Times afferma che FCA pagherà a Tesla “centinaia di milioni di euro” per far sì che ciò accada. Anche se questo è solo un accordo occasionale, è la prima volta che la maggior parte delle case automobilistiche si ritrovano a dover affrontare un problema simile tutte insieme. E questo è ciò che rende unico il legame Tesla-FCA, secondo il rapporto, le case automobilistiche stanno collaborando senza alcun fine di lucro secondario.

Il rapporto del Financial Times indica i dati di UBS secondo i quali Fiat Chrysler avrebbe avuto le migliori probabilità di non raggiungere l’obiettivo di emissioni medie del prossimo anno, impostato a 95 grammi di biossido di carbonio per chilometro. Le emissioni di FCA dello scorso anno sono state sopra la media. Quando i regolamenti sono in vigore, non essere conformi potrebbe portare a multe di miliardi di euro, ha detto il Financial Times nel suo rapporto, citando i commenti degli analisti di Jefferies.

 

Una mossa che porterà giovamento a tutti

Ne Fiat Chrysler ne Tesla hanno restituito richieste di commento, ma un portavoce di Fiat Chrysler disse a Reuters che questo accordo “offre flessibilità nel fornire prodotti che i nostri clienti sono disposti ad acquistare gestendo nel contempo la conformità con l’approccio al costo più basso“. Fondamentalmente, è più economico pagare Tesla in questo modo rispetto a quello di sviluppare auto conformi e assegnarle a un gruppo di acquirenti che potrebbero non preferirle.

La mossa sarà vantaggiosa per entrambe le case automobilistiche. Tesla ha già segnalato che, dati molteplici fattori in gioco, la società probabilmente fallirà la redditività nel Q1 2019, ma spera di tornare in nella Q2, e ricevere una somma a nove cifre dalla FCA sarebbe sicuramente di aiuto. Per quanto riguarda Fiat Chrysler, questo permetterà alla casa di accrescere ulteriormente le tecnologie per espandere il loro parco auto.