truffa ING conto arancio

Il Conto Arancio di ING Direct finisce sotto i riflettori. A quanto pare, la procura di Milano ha avviato un indagine su un presunto riciclaggio di denaro. Dopo quindi essersi visto bloccare l’apertura di nuovi conti per via del provvedimento di Bankitalia, Conto Arancio si ritrova nei guai che, questa volta, sembrano essere un po più seri.

La bomba è stata lanciata dal Sole24Ore, il quale ha dichiarato che l’accusa è attualmente  a carico di ignoti, ma che molto presto comparirà il nome di ING Bank tra gli indagati. Scopriamo di seguito i dettagli.

Conto Arancio: ecco cosa sta succedendo nella ING Bank

Iniziata venerdì 15 marzo 2019, dopo il rilascio al pubblico dei dati emersi da un’ispezione nei confronti di ING Direct, la questione sembra essere già seria del previsto. Secondo l’ispezione condotta da Banca d’Italia, quindi, pare che ci siano delle evidenti falle nel sistema di antiriciclaggio, messo in atto nel periodo che va da ottobre 2018 a gennaio 2019. Di conseguenza, BankItalia ha subito bloccato a ING Group l’apertura di nuovi conti.

Bankitalia, però, non è stata l’unica a muoversi. A quanto pare, infatti, il Codacons ha segnalato tutta la situazione alla procura e alle autorità competenti che, attualmente, stanno controllando da vicino il caso. Codacons ha inoltre dichiarato: ”Riteniamo necessario verificare se il mancato rispetto delle norme in tema di antiriciclaggio possa avere conseguenze sul piano penale […] L’Antitrust dovrà accertare la correttezza sul fronte dell’acquisizione di nuova clientela attraverso messaggi pubblicitari e altre campagne ancora oggi presenti sul web e che devono essere sospese con effetto immediato”

Intanto, per via di questa situazione, il gruppo ING continua a rischiare e a perdere punti in borsa.