sony-XZ-Premium-licenziamenti-settore-mobile
Sta succedendo di nuovo. Sony Mobile ha apportato serie modifiche all’interno dell’azienda. Questo comprende le attività di Mobile Communications (MC), Home Entertainment & Sound (HE & S) e Imaging Products & Solutions (IP & S) in un’unica soluzione. Ora noto come Electronics Products & Solutions (EP & S), la divisione avrà un nuovo ruolo nella persona di Shigeki Ishizuka.

Gli alti dirigenti vengono rimescolati con grandi speranze che i numeri miglioreranno. Recentemente, abbiamo riferito che il taglio dei costi del marchio per le attività mobili ha portato alla chiusura dello stabilimento cinese. È quello di Pechino che è diverso dallo stabilimento di Shanghai di cui abbiamo parlato la settimana scorsa.

Sony Mobile, 50% dei dipendenti licenziati

Durante il fine settimana, abbiamo appreso che Sony sta facendo un’altra mossa importante. La concorrenza nel settore è stata davvero dura, quindi il gigante dell’elettronica sta licenziando circa la metà dei dipendenti della divisione mobile.

Questo licenziamento non è il primo. Ricordiamo quel lotto di anni fa. Quest’anno è diverso perché stiamo parlando di quasi il 50% della forza lavoro. L’industria della telefonia non ha effetto solo su Sony. Quasi tutte le marche stanno attraversando una fase discendente. Ci possono essere OEM cinesi che stanno meglio come Huawei, che ha già superato Apple, ma l’intero business mobile non sta migliorando.

Leggi anche:  Sony rivelerà nuovi dettagli di 'The Last of Us' il 24 settembre

Sony ha lottato per competere con Samsung, Huawei e Apple. La mossa della società di licenziare circa 2.000 dipendenti sarà fatta principalmente per ridurre i costi e fare ulteriori riforme all’interno. Il licenziamento dovrebbe essere fatto entro marzo 2020. Speriamo che sia l’ultimo.

Ai dipendenti interessati in Cina e in Europa verrà offerto un pensionamento volontario. Quelli in Giappone saranno trasferiti in altre divisioni.

Nei prossimi mesi, Sony Mobile limiterà le vendite di telefoni, soprattutto nel sud-est asiatico. Sarà dato maggiore rilievo all’Est asiatico e all’Europa. Le vendite previste saranno solo 6,5 milioni di unità.