truffa conto arancio ing directING Direct ha bloccato nuovi conti correnti a causa di una nuova serie di indagini coordinate dalla Banca d’Italia e dirette dalla Procura di Milano in merito ad una nuova truffa contro Amazon ed Airbnb. Fino a tempo ancora da definire, non sarà possibile aprire nuovi conti. C’è in corso la verifica fiscale e di sicurezza sulla piattaforma. Si discute a proposito di una frode dovuta a transazioni di acquisto fraudolente ritenute illecite a tutti gli effetti. Vediamo che succede.

 

ING Direct sotto accusa: Conto Arancio inaccessibile dopo la truffa

La frode dei diamanti è stata colossale? Certamente, ma aspettate di sentire che cosa ha combinato il gruppo olandese ING Direct. Secondo quanto riferito pare non ci sia sicurezza in merito all’uso delle contromisure antiriciclaggio. Alcuni hacker sono partiti da conti esteri per svuotare i conti locali tramite un bug facilmente localizzato ed usato senza troppi problemi. C’è l’accusa di concorso e responsabilità amministrativa. La compagnia dovrà rispondere almeno di mancata sicurezza. Con ogni probabilità, sarà tenuta a pagare una multa piuttosto alta.

Leggi anche:  Rimborso Canone Rai: la nuova truffa che non risparmia nessuno

Non si tratta del primo caso che vede coinvolta l’azienda. Già in passato si era sollevata un’accusa simile dopo un’indagine che ha avuto come risultato il pagamento di un’ammenda da ben 775 milioni di euro. Lo statement ufficiale di Ing Direct è stato il seguente:

“In stretta collaborazione e accordo con Banca d’Italia, Ing Italia sospenderà le attività di acquisizione di nuovi clienti durante il periodo necessario per approfondire i piani di miglioramento ” con l’autorità di vigilanza. Ing assicura inoltre” che continuerà a offrire pieno servizio ai clienti esistenti in Italia. Nei prossimi giorni Ing lavorerà con impegno per indirizzare le mancanze e risolvere le criticità identificate”.

Vi terremo aggiornati in merito ad ulteriori sviluppi. Seguiteci sul sito, attraverso la nostra app e nei nostri canali per ulteriori approfondimenti.