EA-licenziamenti-giappone-russia-videogiochi

EA ha confermato che sta licenziando 350 dei suoi 9.000 dipendenti a livello globale in un round di licenziamenti incentrato principalmente sui suoi dipartimenti di marketing e pubblicazione. I licenziamenti sono stati annunciati in una e-mail ottenuta da Kotaku dal CEO della società Andrew Wilson. In una dichiarazione, la compagnia ha successivamente confermato i licenziamenti, aggiungendo che sarebbe “dilagante per la nostra attuale presenza in Giappone e in Russia”.

I licenziamenti arrivano in un momento difficile per EA e gran parte dell’industria dei videogiochi. A quanto riferito, EA ha cancellato il suo gioco Star Wars incentrato su un giocatore singolo a gennaio. Ha anche chiuso lo studio che inizialmente lavorava su di esso nel 2017. Uno dei suoi principali concorrenti, Activision Blizzard, ha tagliato quasi 800 posti di lavoro all’inizio di febbraio.

In una dichiarazione, EA ha affermato che stava decidendo “passi importanti come azienda per affrontare le  sfide” e che non ha preso queste decisioni alla leggera. “Siamo profondamente concentrati sull’aumento della qualità nei nostri giochi e servizi”, ha affermato la società.

Leggi anche:  I videogiochi in Italia nel 2018: tutti i segreti in questo articolo

La dichiarazione iniziale della compagnia riferiva che stava “facendo crollare” le sue operazioni in Giappone e Russia. Un rapporto successivo di Famitsu (tramite GameIndustry.biz) ha confermato che EA ha chiuso completamente il suo ufficio giapponese.

Nella sua e-mail alla società che annuncia i licenziamenti, Wilson ha dichiarato: “Abbiamo una visione per essere la più grande azienda di giochi al mondo” ma che “se siamo onesti con noi stessi, non siamo lì adesso”. Wilson è stato CEO di EA dal 2013 quando è subentrato a John Riccitiello.

Un portavoce di EA ha confermato che l’azienda cercherà di trovare altri ruoli per i dipendenti interessati all’interno dell’organizzazione e fornirebbe “separazione e altre risorse” a chiunque lasci la società.