Copertura di rete

Da tempo, ormai, capita di imbattersi ogni giorno in problemi di rete e continui disservizi. Tutti i giorni, infatti, la nostra navigazione in internet e le nostre telefonate, vengono interrotte senza preavviso e nella maniera più brusca possibile dai continui problemi relativi alle reti telefoniche di Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad.

L’arrivo di Iliad nel mercato italiano, purtroppo, ha destabilizzato la situazione. Per tenere alta la concorrenza quindi, tutti gli operatori hanno iniziato a proporre offerte dedicate super vantaggiose dalle quali è nata una vera e propria guerra al ribasso. Concentrandosi, quindi, più sulla quantità e sul risparmio, rispetto alla qualità, e considerando i disservizi che affliggono le reti, milioni di italiani, difronte a offerte del genere, si sono precipitati nei negozi più vicini per attivare nuove tariffe e cambiare operatore. Ma in realtà, quanto è convenuto?

Nella sta grande maggioranza dei casi, infatti, gli utenti che hanno deciso di cambiare operatore, sono ritornati nella loro vecchia casa. Questo cambio di rotta, molto spesso, è stato dettato da un unico grande problema: la copertura. Quasi tutti gli operatori telefonici italiani, infatti, non sono in grado di offrire una copertura adeguata al servizio offerto. Secondo alcuni studi, però, pare che in Italia sono solamente due gli operatori che offrono una copertura impeccabile. Scopriamoli di seguito.

Leggi anche:  Iliad, Tim, Wind e 3 Italia sconfitte da Vodafone: svelato il motivo

Copertura telefonica: ecco i migliori operatori italiani del 2019

Open Signal, Barometer e nPerf, tre società leader nel mondo delle statistiche, hanno lanciato la loro sentenza. Secondo diversi studi, Tim e Vodafone sono gli unici operatori italiani ad offrire una copertura adeguata e che riesce a coprire quasi totalmente, 98%, l’intera penisola. Gli studi si sono basati sui seguenti parametri:

  • Velocità in download e upload sotto copertura in 4G;
  • Velocità in download e upload sotto copertura in 3G;
  • Velocità e qualità dello streaming audio e video;
  • Livello di latenza.

Attenzione però, questo non significa che gli altri operatori siano da evitare poiché la situazione potrebbe ribaltarsi da un momento all’altro.