Molti smartphone non hanno ancora ricevuto l’aggiornamento ad Android Pie, eppure, nei giorni precedenti, è stata già rilasciata la prima beta della nuova versione dell’OS di Google: Android Q.

Android Q introdurrà importanti novità, tra cui miglioramenti nella gestione della privacy e dei permessi richiesti dalle applicazioni che vengono installate sul dispositivo, migliorie nell’interfaccia, introducendo funzioni che permetteranno alle app di adattarsi all’arrivo dei primi smartphone con display pieghevole, o ancora permettendo una maggiore personalizzazione dell’interfaccia grafica, consentendo all’utente di cambiare il colore di alcuni elementi, scegliere il font di sistema o modificare la forma delle icone delle applicazioni, e tanto altro (potete scoprire le principali novità del nuovo sistema operativo leggendo questo articolo).

La nuova versione dell’OS di casa Google sarà supportata da molti smartphone e tablet Android. Ma quali sono i dispositivi che riceveranno l’aggiornamento?

Android Q: ecco gli smartphone che riceveranno l’aggiornamento

Prima di parlare dei dispositivi che riceveranno l’aggiornamento ad Android Q, ricordiamo che la release finale del sistema operativo dovrebbe, almeno in teoria, essere rilasciata in estate, tra il mese di Luglio e quello di Settembre. Lo scorso 13 Marzo, però, ne è stata già distribuita una prima beta, e a questa seguiranno una seconda ad Aprile, una terza a Maggio, una quarta a Giugno, mentre a Luglio verranno rilasciate la quinta e la sesta, prima del lancio ufficiale.

I primi dispositivi che riceveranno l’aggiornamento, partendo anche dalla prima beta di Android Q, sono stati i Google Pixel, Pixel XL, Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel 3 e Pixel 3 XL. Si aggiorneranno ad Android Q anche i Samsung Galaxy S9, S10 e Note 9, il Mate 20, Mate 20 Pro, P20, P20 Pro e P30 di casa Huawei, l‘LG G7, G8s e V40, il Sony Xperia 1 e il OnePlus 6 e 6T. Insomma, su tutti i nuovi dispositivi delle più note case produttrici, ed anche sui primi smartphone pieghevoli, tra cui il Samsung Galaxy Fold e Huawei Mate X.