Volkswagen

Volkswagen vuole unire le forze con altre aziende, mentre approfondisce la sua ricerca e sviluppo dell’elettrico. Ora sta lavorando con un produttore svedese di batterie per ottenere una migliore conoscenza e sviluppare sistemi migliori.

VW ha annunciato questa settimana di aver stretto una partnership con la società svedese Northvolt per creare ciò che la casa automobilistica chiama European Battery Union. L’EBU, che prenderà il via sul serio nel 2020, analizzerà ogni fase del processo di produzione delle batterie, dalle materie prime al riciclaggio.

 

Altre società aderiranno in futuro

Ma i due non sono soli.VW afferma che l’EBU includerà anche “ricerca e industria in sette stati membri dell’UE“, anche se non ha specificato altro. Ogni partner sarà responsabile di portare denaro per gli investimenti, il che dovrebbe in teoria andare a beneficio di tutti i soggetti coinvolti, poiché i partner scambieranno le informazioni scoperte nel corso ricerca.

Leggi anche:  Diesel dichiara guerra all'elettrico: ecco le novità sulle emissioni

Oltre alla ricerca delle batterie stesse, l’EBU si concentrerà anche sugli impianti di produzione. L’obiettivo qui è quello di creare “una produzione di batterie per batterie sostenibili, rispettosa del clima e competitiva nell’Unione europea“, ha dichiarato VW nel suo comunicato stampa.

Ulteriori soldi per finanziare questi sforzi potrebbero venire dal governo tedesco. Reuters riferisce che la Germania ha accantonato 1 miliardo di euro (circa $ 1,1 miliardi) per finanziare la ricerca e lo sviluppo delle batterie, compreso il lavoro sulla tecnologia delle batterie a stato solido che è ancora nella sua fase nascente. Reuters afferma che il governo tedesco ha già ricevuto richieste da oltre 30 società per questo finanziamento.