truffa conto arancio ing directBrutta sorpresa per il gruppo ING Direct, ora costretto ad affrontare il blocco dei nuovi conti correnti per indagini disposte dalla Procura di Milano in merito ad una truffa contro Amazon e Airbnb. NON sarà possibile censire nuovi clienti fino a conclusione degli accertamenti fiscali e di sicurezza. L’accusa è quella di frode per transazioni di acquisto irregolari. Vediamo cosa sta succedendo.

 

Scandalo per truffa ING Direct: Conto arancio bloccato

Come se la frode dei diamanti non fosse bastata ad animare il clima generale di sfiducia verso le banche, ora ci si mette anche l’inchiesta Ing Italia assoggetta a nuovi controlli disposti dalla Banca d’Italia. Si discute a proposito di una falla nel sistema di antiriciclaggio che avrebbe consentito il perpetrarsi di azioni finanziarie fraudolente.

Le truffe hanno azzerato i conti correnti partendo dall’estero. Provetti hacker hanno difatti individuato il bug e lo hanno utilizzato per i propri illeciti. Per la compagnia olandese ciò si potrebbe tradurre nella potenziale iscrizione alla Lista Nera degli indagati per concorso e responsabilità amministrativa. Dovrà quanto meno rispondere per la mancata sicurezza dei suoi sistemi interni e pagare ammenda con una multa salata.

In passato lo stesso istituto aveva dovuto fronteggiare un’accusa simile. Si è ritrovato a versare una multa da 775 milioni di euro ed a riconoscere le proprie responsabilità in merito alla non uniformità dei propri sistemi con le norme antiriciclaggio. La Banca in merito alla vicenda ha reso noto:

“In stretta collaborazione e accordo con Banca d’Italia, Ing Italia sospenderà le attività di acquisizione di nuovi clienti durante il periodo necessario per approfondire i piani di miglioramento ” con l’autorità di vigilanza. Ing assicura inoltre” che continuerà a offrire pieno servizio ai clienti esistenti in Italia. Nei prossimi giorni Ing lavorerà con impegno per indirizzare le mancanze e risolvere le criticità identificate”.