id-34726-euro-campiglio-europa-bandiera-crisi-jpg-crop_display-e1475581843832

Google ha annunciato che inizierà a chiedere agli utenti Android europei quale browser e motore di ricerca preferirebbero utilizzare sui propri dispositivi. La società segue l’azione normativa nei confronti dell’azienda per il modo in cui raggruppa il software nel suo sistema operativo mobile. L’anno scorso Google è stata multata per $ 5 miliardi da parte dei regolatori dell’UE per violazione delle leggi antitrust. Gli è stato ordinato di smettere di “legare illegalmente” Chrome e la sua app di ricerca ad Android.

La risposta iniziale di Google è stata quella di iniziare a far pagare le spese di licenza dei produttori per il Play Store e altre app.  Veniva offerto al contempo l’opzione di includere Chrome e l’app di ricerca di Google nel pacchetto globale gratuitamente. Ora, SVP degli affari globali Kent Walker dice in un post sul blog che Google farà un ulteriore passo avanti.

Google non ha condiviso una data ufficiale

La società offrirà agli utenti di “dispositivi Android esistenti e nuovi in ​​Europa” una scelta diretta di servizi. “Sui telefoni Android, sei sempre stato in grado di installare qualsiasi motore di ricerca o browser che desideri, indipendentemente da ciò che è stato preinstallato sul telefono al momento dell’acquisto,” afferma Walker. “In effetti, un tipico utente di smartphone Android installa solitamente circa 50 applicazioni aggiuntive sul proprio telefono. Ora faremo anche di più per garantire che i proprietari dei telefoni Android siano a conoscenza dell’ampia scelta di browser e motori di ricerca disponibili per il loro device “.

Leggi anche:  Google Maps, una nuova funzionalità per chi soffre di problemi alla vista

Google non ha detto quando ciò avverrà oltre “nei prossimi mesi”, né ha detto quali prodotti concorrenti saranno evidenziati. La mossa trarrà inevitabilmente un confronto con la pagina web “browser ballot” di Microsoft. Essa ha mostrato agli utenti di Internet Explorer nel 2010 di conformarsi a una simile decisione della Commissione Europea. Microsoft ha ritirato la pagina nel 2014 dopo che il suo obbligo è scaduto.