Tradizionalmente, l’attivazione di una nuova SIM avveniva presso i negozi e i rivenditori autorizzati degli operatori telefonici. Da qualche anno a questa parte, per venire incontro alle esigenze di un numero sempre maggiore di utenti, i gestori hanno cercato di tenersi al passo coi tempi, inventando nuove soluzioni di acquisto.

Una di queste possibilità è l’attivazione della SIM con un operatore in videochiamata, così da poter acquistare la SIM a proprio nome fornendo all’operatore una prova inconfutabile della propria esistenza (che è appunto vederlo in videochiamata) e snellire così notevolmente tutte le procedure altrimenti necessarie.

Fino ad oggi, però, la videochiamata si poteva effettuare esclusivamente da computer oppure dal cellulare, andando però ad attivare la procedura attraverso il browser.

D’ora in poi, invece, i clienti potranno accedere alla videochiamata semplicemente andando nella sezione dedicata dell’app MyWind, e gestire tutto da lì.

Cosa cambia rispetto al passato?

Il grosso vantaggio di questa possibilità, oltre a snellire la burocrazia in carico ai negozi fisici – che si vedono quindi alleggeriti di una serie di procedure puramente formali – sta nella possibilità di prenotare personalmente la propria SIM ma di farla ritirare, e quindi pagare alla consegna, anche ad un’altra persona. Se quindi il cliente non può garantire la propria presenza in casa al momento della consegna della SIM, può sopperire a questa mancanza incaricando un’altra persona di farsi trovare presso quel domicilio all’arrivo del corriere.

Leggi anche:  TIM vuole primeggiare con la nuova offerta per i clienti Iliad a soli 9,99€

Successivamente, l’attivazione potrà essere effettuata in un secondo momento sempre da parte dell’intestatario della SIM, tramite una chiamata al servizio clienti. Si consiglia di non inserire la SIM non ancora attiva nello smartphone, ma di procedere all’installazione nell’apposito alloggiamento solo una volta completata l’attivazione.

Con questa soluzione, anche la società che da poco ha preso parte nella joint-venture con Tre si inserisce nel solco delle altre grandi aziende di telefonia, come ad esempio Tim, che prevedevano già questa possibilità.