truffa Intesa Sanpaolo ATMDopo Unicredit BNL torna la truffa via email che sta mettendo in ginocchio i clienti Intesa Sanpaolo. A segnalare l’accaduto è la Polizia di Stato che lancia un allarme su un messaggio ritenuto sospetto e pericoloso. Rischia di azzerare conti e carte di credito/debito/prepagate. Il rischio di ritrovarsi con il conto svuotato è alto e si deve fare parecchia attenzione per non cadere nel raggiro.

Prendendo alla lettera le richieste dei truffatori si finisce con l’alimentare un circuito che preleva dati personali e soldi dai conti correnti. Tutto finisce nelle mani sbagliate e c’è un motivo se ciò accade. La pressione e lo stress generato da un messaggio che annuncia il blocco dei prelievi ATM per contanti portano gli utenti a valutare l’opzione che si rivela letale. Attenzione! La scelta è sbagliata. Continuiamo a leggere.

 

Truffa Intesa Sanpaolo: ATTENZIONE a questo nuovo messaggio

“Gentile XXXXXX,
l’ultimo controllo di sicurezza ha concluso che il tuo account ha alcune attività insolite, pertanto abbiamo limitato alcune funzioni come (pagamenti online, trasferimenti bancari e prelievi di denaro). Effettua il login al tuo account ed esegui i semplici passaggi per ripristinare completamente le funzioni del tuo account Si prega di confermare la propria identità attraverso il nostro collegamento sicuro”truffa messaggio Intesa SanPaolo

Il messaggio è allarmante ma è chiaro che ci si trova di fronte ad una truffa Intesa Sanpaolo. L’Italiano è imperfetto oltre al fatto che c’è un link sospetto che al phishing somma il pharming con sito copiato perfettamente sull’impronta di quello originale. Basta un semplice controllo di dominio e ci accorgiamo che non appartiene alla banca. Sembra il sito originale ma non lo è. Compilando il questionario con i dati richiesti si finisce per accontentare i truffatori che scappano con in mano soldi e generalità.

Leggi anche:  Unicredit, Sanpaolo e Bpm: la truffa dei diamanti svuota i conti correnti

La banca non chiede di compilare dati e non comunica rettifiche, modifiche e variazioni tramite email, Whatsapp o social network. Ogni statement o richiesta di contatto viene gestita internamente e sempre in ambiente protetto. Diffidate sempre da questo genere di messaggi e chiedete informazioni alla vostra banca prima di prendere qualsiasi decisione.