decoder digitale terrestre DVB T2

Il Digitale terrestre cambierà presto le sue frequenze per lasciare spazio all’entrante 5G. Al fine di effettuare questa operazione, dal prossimo anno entrerà in funzione un nuovo standard denominato DVB T2.

Con l’arrivo di questo, quindi, i canali Rai e Mediaset subiranno una traslazione ed in molti si stanno domandando se sarà necessario acquistare una nuova tv. La risposta a questa domanda è no: non sarà obbligatorio l’acquisto di un nuovo dispositivo, ammesso che voi non vogliate cogliere l’occasione per cambiare tv. Sarà, però, necessario acquistare un decoder: ma non in tutti i casi. Scopriamo quali.

DVB T2: il digitale terrestre rimane immutato, ma non la vostra televisione

Nessun cambiamento drastico verrà fatto all’attuale digitale terrestre, se non la possibile aggiunta di nuovi canali tv. In ogni caso, quando avverrà il cambio di frequenze, le persone che possiedono una tv un po’ vecchiotta dovranno munirsi di un decoder per poter recepire il nuovo segnale. Senza l’acquisto di questo dispositivo, guardare la televisione diventerà impossibile. Secondo quanto dichiarato, lo Stato dovrebbe emettere un rimborso spese di 25 euro per ogni famiglia che acquista un nuovo decoder entro il 2020.

Leggi anche:  DVB T2: per continuare a vedere Sky e Mediaset si dovrà cambiare TV

Per le persone che, invece, hanno acquistato una tv negli ultimi tempi, nessun acquisto dovrebbe essere obbligatorio in quanto i nuovi dispositivi supportano già il DVB T2. In ogni caso, per non correre rischi, vi consigliamo di effettuare una ricerca sul sito del produttore o consultare il libretto informativo consegnatovi con la smart tv.

Appurato questo dubbio, la transizione al nuovo standard non ricorderà che quella subita quando siamo passati dall’analogico al digitale terrestre attuale.