android Q

Non ci siamo goduti poi troppo Android Oreo che siamo passati subito a mangiare Pie 9.0. Ora in estate avremo un altro Google OS, poiché è stata lanciata da poco una prima fase di beta del nuovissimo sistema operativo Android Q (basta nomi legati al cibo finalmente). La versione di beta testing è solo una developer preview dedicata appunto agli sviluppatori.

Tuttavia, nonostante siamo ancora in una fase molto precoce, i tester hanno trovato nella nuova versione di Android delle novità molto interessanti. È ora di scoprire insieme cosa ci riserva il nuovo sistema operativo.

 

Tutte le novità di Android Q 

In arrivo con ogni probabilità in agosto 2019, Android Q sorprende già nella fase embrionale per tutte le sue nuove feature:

  • Dark Mode: una variazione del tema molto richiesta, specialmente per chi ha uno smartphone con schermo AMOLED. Una feature già implementata nel sistema operativo che sarà utile per riposare gli occhi e risparmiare batteria. Molto probabilmente la dark mode arriverà anche con uno switch on/off;
  • Tempo Residuo: nuova modalità di gestione dell’autonomia del vostro smartphone. Effettuando uno swipe dal basso verso l’altro, Android Q ci offrirà infatti la possibilità di accedere al menu rapido per vedere la rimanente batteria e avere una stima del tempo residuo a disposizione;
  • Cambiamenti Grafici: il font principale del sistema operativo è diventato Product Sans, il quale possiamo trovarlo in tutti i menu e sottomenu. Inoltre c’è la possibilità di ridisegnare le icone e le cartelle;
  • Geolocalizzazione Migliorata: con Android Pie tutte le app che chiedevano il permesso per l’uso del GPS potevano accedere alla posizione dell’utente anche solo in funzione background. Con Android Q, però, questo problema è stato risolto introducendo l’opzione “consenti solo mentre si utilizza l’app”;
  • Menu di richiesta rapida: se il sistema ha bisogno di attivare qualche funzione per completare una determinata operazione, mostrerà a schermo una finestrella che ci permetterà di attivare la funzione richiesta, ad esempio il WiFi o il Bluetooth, velocemente.