La rete 4G continua ad essere utilizzata nonostante i problemi rilevati sulla sua sicurezza; i consumatori che la utilizzano, rischiano che la loro privacy venga violata e ogni singolo dato sullo smartphone sarebbe nelle mani di un hacker.

Purtroppo, i gestori telefonici Tim, Wind, Vodafone, 3 Italia, Iliad, kena mobile e tanti altri che offrono una rete mobile 4G non possono fare nulla in merito; i clienti possono essere da un momento all’altro le vittime di un hacker, che riesce ad impadronirsi di uno smartphone tramite il 4G. Ma in che modo? Nessuno ha pensato di risolvere il problema?

Rete 4G di Vodafone, Iliad, Wind, Tim e altri gestori: ecco quali sono i problemi

La rete 4G presenta alcuni problemi sulla sicurezza e a scoprirlo sono dei ricercatori che hanno studiato ogni dettaglio della rete; a causa di questi problemi, un hacker potrebbe impadronirsi di qualsiasi smartphone che sia connesso alla rete mobile 4G e di tutti i dati personali del vero proprietario.

Leggi anche:  L'app 7Pay ha perso 55 milioni di yen per colpa di una falla di sicurezza

Il modo per impadronirsi del dispositivo mobile è veramente facile e oggi ne siamo a conoscenza è sempre grazie ai ricercatori, che si sono messi nelle vesti di un probabile hacker e hanno capito come si svolge l’attacco; sono necessarie, delle attrezzature specifiche (poco economiche) e una vicinanza minima.

In questo modo, l’hacker riesce a creare una falsa cella 4G a cui lo smartphone si collegherà in automatico e gli darà il libero accesso; purtroppo, nessuno è in grado di riparare tali vulnerabilità riscontrate perché derivano dalle origine della rete.