nanobot-allopera-minuscoli-robot-corpo-umano
I ricercatori hanno sviluppato nanobot che possono essere iniettati usando una normale siringa ipodermica, secondo una nuova versione. I nanobot sono robot funzionanti al microscopio con la capacità di camminare e resistere ad ambienti difficili. Ogni robot ha una lunghezza di 70 micron, che è circa la larghezza di un capello umano sottile. Un milione di nanobot può essere prodotto da un singolo wafer da 4 pollici composito di silicio.

Le nuove tecniche di nanofabbricazione sono state sviluppate da Marc Miskin e colleghi della Cornell University. La ricerca sarà presentata all’American Physical Society March Meeting la prossima settimana. Secondo un comunicato di EurekAlert, il team ha trascorso anni a sviluppare un processo di nanofabbricazione in grado di produrre un milione di nanobot da un wafer di silicio da 4 pollici nel giro di poche settimane.

I nanobot saranno aggiornati presto

Questi micro-robot presentano quattro gambe composte da grafene o platino e titanio; sono descritti da Miskin come “super forti“, consentendo ai nanobot di trasportare un corpo di circa 8.000 volte più. Inoltre, ogni gamba misura solo 100 atomi di spessore, e possono trasportare corpi 1.000 volte più spessi, secondo i ricercatori.

Leggi anche:  L'Italia dell'innovazione tra bus a guida autonoma e i droni taxi

La realizzazione del proof-of-concept è avvenuta alla fine del 2017, ma gli esperti continuano a lavorare sulla loro creazione. I team della Cornell University e della University of Pennsylvania, dove Miskin è diventato recentemente un assistente professore, stanno sviluppando versioni “intelligenti” di questi nanobot. Le versioni aggiornate presenteranno controller, sensori e orologi.

A questo punto del processo di sviluppo, i nanobot sono a energia solare, ma quella fonte di energia limita la profondità di iniezione nei tessuti. In futuro, i robot microscopici come quelli sviluppati da Miskin e dai suoi colleghi potrebbero essere utilizzati per somministrare farmaci direttamente a ferite o tumori, ma il fabbisogno di energia solare sarebbe un limite importante.

Al suo posto, i futuri nanobot potranno essere alimentati utilizzando campi magnetici o ultrasuoni, consentendo loro di viaggiare profondamente nel corpo umano.