sms

In un mondo sempre più ricco di giga e connessioni internet, la risposta definitiva alle forme di comunicazione dovrebbe esser rappresentata dalla messaggistica istantanea, ma così non è. Sebbene applicazioni come WhatsApp e Telegram rivestano ruoli importanti nella vita degli utenti, c’è un altro tipo di comunicazione che esula da questa forma… in particolare, ci riferiamo agli SMS. Una ventata d’aria in controcorrente che manifesta un esigenza più alta dell’inviare foto e video: quella di comunicare.

Gli SMS battono WhatsApp e Telegram grazie alla loro semplicità e alla loro unica utilità vitale

La caratteristica vincente degli SMS è proprio la loro semplicità. Nati nel 1985, gli short message service si sono fin da subito delineati in maniera eccezionale per la loro praticità ed hanno conosciuto un vero e proprio boom di utilizzo nel decennio passato. Seppure portino con loro un limite di 160 caratteri, gli SMS riescono a surclassare WhatsApp, Telegram e le altre app di messaggistica istantanea per un semplice motivo: non richiedono una connessione internet.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come parlare con amici in chat senza essere online

Ebbene, potrà sembrare strano poichè il mondo intorno a noi diventa sempre più tecnologico… ma un accesso ad una connessione non è così scontata come tutti potrebbero credere. Proprio in relazione a questa realtà, gli SMS risultano essere vitali poiché raggiungono la totalità degli utenti in maniera rapida e universale. Per ricevere un SMS non c’è bisogno di avere internet, un abbonamento mensile o un applicazione scaricata: è necessario essere in dotazione di un semplice telefono… anche il più vecchio presente sul mercato o no!