facebook-mente-sui-numeri-di-onavo-vpn
Facebook sta suscitando ulteriori polemiche sul suo Programma di ricerca, che ha raccolto dati sui ragazzi attraverso la sua app Onavo VPN. TechCrunch ha rivelato che il gigante dei social network ha riportato in modo errato il numero di utenti nel programma.

Quando le notizie si sono interrotte, la società ha dichiarato che “meno del 5% delle persone che hanno scelto di partecipare a questo programma di ricerca di mercato erano adolescenti“. Tuttavia, questo è stato dimostrato essere errato grazie alle risposte di Facebook a una lettera del senatore degli Stati Uniti Mark Warner sulla questione.

Facebook ha mentito sui numeri

Il senatore ha scritto al CEO Mark Zuckerberg sul modo in cui il suo programma di ricerca ha mirato specificamente agli adolescenti. Questi infatti venivano pagati per installati una VPN che li spiava. Il vicepresidente della politica pubblica statunitense, Kevin Martin, ha risposto alle domande del senatore dicendo:

Leggi anche:  Facebook potrebbe introdurre presto un abbonamento video

“Al momento in cui terminammo l’App di ricerca di Facebook sulla piattaforma iOS di Apple, meno del 5% delle persone che condividevano dati con noi erano adolescenti. L’analisi mostra che il numero è pari a circa il 18 percento quando si considera l’intero ciclo di vita del programma e si aggiungono anche le persone che sono diventate inattive e hanno disinstallato l’app. ”

Il social network ha affrontato un ulteriore controllo quando il senatore Martin li ha informati sulla questione delle forme di consenso dei genitori. Secondo Facebook, tutti i partecipanti al di sotto dei 18 anni hanno firmato i moduli di consenso dei genitori quando hanno aderito al programma. In realtà, gli adolescenti hanno semplicemente spuntato una casella per affermare di avere il consenso dei genitori. Ciò è molto diverso.