chinacensor-privacy-dati-utente-ferrovia
La Cina ha vietato alle persone di acquistare biglietti aerei o ferroviari 23 milioni di volte l’anno scorso perché i loro punteggi di credito sociale erano troppo bassi. Questo è quanto dichiarato dall’Associated Press, che ha ottenuto una copia di un rapporto governativo.

Lo scorso maggio il governo ha esteso il divieto di viaggio a persone con bassi punteggi di credito sociale. Secondo un rapporto del Centro nazionale cinese di informazioni sul credito pubblico della scorsa settimana, le persone sono state bloccate 17,5 milioni di volte dall’acquisto di biglietti aerei e 5,5 milioni di volte dall’acquisto di biglietti del treno ad alta velocità.

Nel 2020, la Cina avrà un file su ogni cittadino

Queste persone erano diventate “screditate” per crimini comportamentali non specificati. Questo dipende da soli 6,15 milioni di cittadini bloccati dal prendere voli a partire dal 2017, secondo la corte suprema della Cina. Come parte del sistema, il governo cinese impiega anche una lista nera pubblica di coloro che sono stati giudicati colpevoli di reati in tribunale.

Leggi anche:  4G: la connessione di Tim, Iliad, Vodafone e Wind Tre è pericolosa

Si suppone inoltre che i punteggi di credito sociale contribuiscano a prevenire comportamenti fastidiosi sul trasporto pubblico. Un video di un passeggero che rifiuta di muoversi sul treno è diventato virale, con gli utenti cinesi che chiedono maggiori punizioni per le persone che agiscono in questo modo.

Il governo cinese ha messo in atto politiche indipendenti per monitorare gli individui e punire i cattivi comportamenti. Il ranking sociale agli occhi del governo potrebbe essere abbassato se non paghi le tasse o inganni altre persone. Attualmente, ogni volta che una persona passa da un posto di blocco, viene richiesta la presenza di impronte digitali e identificazione.

Una volta che i file sono stati raccolti con successo, la speranza è che le autorità saranno in grado di cercarli sulla base di impronte digitali e altri dati biometrici. Entro il 2020, la Cina intende avere un file su ogni cittadino cinese. Esso includerà tutti i dati raccolti sul proprio comportamento, in base ai documenti governativi disponibili.