mwc-2019-nubia-alpha

Tra i dispositivi più interessanti, anche solo a livello teorico e senza guardare la messa in pratica, c’è sicuramente il particolare smartwatch di Nubia anche detto Nubia Alpha. L’aspetto principale di questo dispositivo indossabile intelligente è che presenta un display flessibile; se vogliamo guardarlo sotto un altro punto di vista, è a grandi linee la tecnologia presentata da Samsung e Huawei per gli smartphone pieghevoli solo semplificata. Un’altra caratteristica sorprendere è che grazie al supporto per le e-sim può essere usato a tutti gli effetti come uno smartphone; esiste tre versioni e una di queste non ha questo supporto.

 

Nubia Alpha

Ci sarebbe diverse cose da vedere quindi partiamo velocemente con la scheda tecnica. Il processore alla base è uno Snapdragon Wear 2100 di Qualcomm ovvero la versione precedente dell’ultimissimo Snapdragon Wear 3100. Affiancato al chip c’è un 1 GB di RAM, 8 GB di ROM e una batteria da 500 mAh che dovrebbe garantire fino a due giorni di carica di uso, quasi una settimana in stand-by. Il display è un 4 pollici se si misura la diagonale ed è un pannello OLED flessibile. Il sistema operativo alla è Android Wear 2.1.

Leggi anche:  Il nuovo Nubia Red Magic 3s: bellezza e perfomance per il gaming

Come già detto si tratta sia di un smartwatch che di uno smartphone e questo grazie al supporto per l’ultima tipologia di sim introdotte sul mercato, le e-sim. La versione senza supporto sarebbe da escludere a priori in quanto oltre a non avere il supporto ad applicazione di messaggistica e altro, se non con uno smartphone sotto mano, si avrebbe comunque al polso un dispositivo ingombrante; insomma, si avrebbe tutti i malus di un prototipo innovativo senza gli effettivi vantaggi.

A concludere il tutto c’è sicuramente da sottolineare la presenza di una fotocamera da 5 MP la quale è in grado di fare sia foto che video. Per la nuova strana del Nubia Alpha le foto sono in un formato particolare, ma la qualità sembra convincente anche se, come detto nel video, il risultato finale andrebbe visto su un computer.

In Europa dovrebbe arrivare verso aprile di quest’anno e il costo varia a seconda delle versioni: quella bluetooth costa 450 euro, 500 euro con supporto e-sim e 600 euro stessa versione, ma in oro.