Nintendo-Switch-android-q-porting

Prima dell’annuncio ufficiale di Nintendo Switch, ci sono alcuni confronti fatti con la console rispetto al tablet da gioco NVIDIA Shield. Questo perché entrambi sono alimentati dal chipset Tegra di NVIDIA e, date le funzionalità del touchscreen, alcuni lo hanno paragonato a una versione più potente del tablet SHIELD. La differenza è che la Switch funziona sul sistema operativo di Nintendo.

Ora sembra che le cose stiano arrivando al punto di partenza. Due sviluppatori, Billy Laws e Max Keller, sono riusciti a ottenere una versione iniziale di Android Q (prevista per quest’anno) in servizio sulla console Switch. Tra le funzionalità presenti, sembra che Bluetooth, WiFi e persino i Joy-Cont della console funzionino.

Il progetto per Nintendo Switch è ancora in fase iniziale

C’è comunque un problema, e il supporto GPU è ancora in corso, il che significa che determinati giochi o app potrebbero non essere in grado di essere eseguiti. Inoltre, non vi è alcuna menzione se lo slot per schede SD funziona, e se l’aggancio USB-C tramite la base di ricarica dello Switch funziona.

Leggi anche:  Huawei, in arrivo un nuovo tablet MediaPad con display da 10,7 pollici

Non siamo sicuri del numero di giocatori che vorrebbero trasformare la loro Switch in un tablet Android, soprattutto perché ci sono comunque dei tablet migliori. Tuttavia, la console mantiene il potenziale per essere un tablet per giochi Android decente, presupponendo che non ci siano problemi di compatibilità.

Probabilmente, è ancora troppo presto per parlare di questo progetto che è in fase di sviluppo. Tuttavia eventuali modifiche alla console annulleranno definitivamente la sua garanzia. Sono stati inoltre segnalati casi in cui i giocatori vietano a Nintendo l’accesso al proprio CDN quando sono stati trovati con una console modificata o compromessa, quindi vale sicuramente la pena prenderlo in considerazione prima di fare qualsiasi cosa.