apple

Dal suo lancio nel 2015, Apple ha posizionato gli Apple Watch come dispositivi per la salute e il fitness, un smartwatch che aiuta gli utenti a tenere traccia dei loro allenamenti e a curare il proprio corpo. Ma una caratteristica abbastanza conosciuta ormai è assente dal software integrato di Apple: il rilevamento del sonno.

Ma non ancora per molto, dice Bloomberg. La pubblicazione riporta che Apple sta testando la funzionalità di rilevamento del sonno e, se soddisferà gli standard, prevede di aggiungerla all’Apple Watch entro il 2020.

Puoi già monitorare il tuo sonno su Apple Watch utilizzando app di terze parti, ma il dispositivo è sempre stato ostacolato da varie peripezie, come la durata della batteria, che crea ancora molti problemi durante un utilizzo continuo. Apple promette agli utenti un giorno intero di utilizzo se viene ricaricato durante la notte, ma non è sufficiente per far funzionare il monitoraggio del sonno. Ad esempio, i wearable rivali incentrati sul fitness con rilevamento del sonno, come Fitbit Versa o Withings Steel Hybrid Smartwatch, durano settimane prima di aver bisogno di una carica.

Leggi anche:  Apple, arrivano le nuove cuffie AirPods: ricarica wireless, Hey Siri e più autonomia

 

Il monitoraggio del sonno sta per arrivare

Mark Gurman di Bloomberg fa notare che, al fine di rendere funzionale il monitoraggio del sonno per Apple Watch, la compagnia dovrà aumentare la durata della batteria o trovare un modo per eseguire il rilevamento del sonno in modalità a basso consumo durante la notte. Oppure, se la velocità di ricarica aumenta, potrebbe semplicemente chiedere agli utenti di ricaricare le batterie al mattino.

Con il rilevamento del sonno integrato in Apple Watch, la società aumenterà la gamma di funzionalità di tracciamento della salute, che ora includono tutto, dagli elettrocardiogrammi (aggiunti nella Apple Watch Series 4) al rilevamento automatico dell’allenamento (aggiunto in watchOS 5).