truffa Intesa Sanpaolo ATMDopo le pericolose minacce ai danni di Unicredit e BNL molti hanno pensato che la truffa via email fosse giunta al capolinea. Errato! Per gli utenti Intesa Sanpaolo si è presentato un boccone amaro dopo aver assaporato il medesimo raggiro segnalato dal nucleo investigativo della Polizia Postale. Una frode lampante, quasi scenica. Pare che chi abbia un conto o una carta di credito/debito/prepagata corra un serio pericolo.

C’è il rischio che tutto venga bloccato per mancanza di informazioni personali aggiornate sui profili. L’Istituto non ha nulla a che vedere con la questione. Dietro l’accaduto ci sono gli hacker. Segnalano il malfunzionamento totale dei servizi ed il rischio di incorrere in prelievi ATM bloccati. Una schermata riporta l’accaduto.

 

Truffa Intesa Sanpaolo: ecco il messaggio truffa

“Gentile XXXXXX,
l’ultimo controllo di sicurezza ha concluso che il tuo account ha alcune attività insolite, pertanto abbiamo limitato alcune funzioni come (pagamenti online, trasferimenti bancari e prelievi di denaro). Effettua il login al tuo account ed esegui i semplici passaggi per ripristinare completamente le funzioni del tuo account Si prega di confermare la propria identità attraverso il nostro collegamento sicuro”truffa messaggio Intesa SanPaoloGuardiamo più da vicino. Una truffa Intesa Sanpaolo. Non abbiamo dubbi. Il contenuto è stato redatto per mano di un sistema di traduzione automatica ed il link sospetto a fondo pagina non lascia intendere nulla di buono. Da semplici supposizioni si arriva a certezze assolute. Aprendo il collegamento alla pagina si arriva ad un questionario da riempire con i dati personali. Phishing + Pharming = guai. Il portale è l’esatta replica del sito ufficiale ma è fraudolento. Raccoglie tutti i dettagli e li usa per creare un’identità digitale e prelevare dai nostri fondi personali. TUTTO FALSO.

Leggi anche:  Fisco: massima attenzione ai conti correnti Unicredit, BNL e Sanpaolo

In questi bisogna screditare il messaggio ed informarsi con il proprio ente tramite i suoi canali certificati che passano per contatto telefonico, visita in sede o sistema di messaggistica su sito, app o social. NON aprite il link e segnalate l’accaduto alle autorità competenti che sapranno indirizzarvi nella giusta direzione.

Intanto si porta alla luce anche la famigerata truffa dei diamanti riportata anche dalle TV italiane.