IPTV: ora sono guai per gli utenti, bloccato il servizio e arrivano le multe

L’IPTV ha dimostrato che c’è un’alternativa a tutte le altre aziende che operano nel settore della TV a pagamento, anche se in questo caso siamo nell’illegalità più assoluta. Questo servizio infatti ha fatto molto discutere fin dal suo arrivo in Italia ormai anni fa, ripercorrendo i primi passi della pirateria.

In molti ricorderanno infatti che già durante i primi anni 2000 c’era in giro un sistema creato su una base illegale. Attualmente quel tempo sembra non essere passato, ma anzi è stato perfezionato fino a rendere tutto quasi  perfetto. L’IPTV infatti offre tutte le piattaforme a pagamento semplicemente con il segnale internet, e questo sarebbe stato oggetto di molte discussioni ed esposti in procura da parte delle aziende. (Se volete delle offerte Amazon con tanti codici sconto, iscrivetevi al nostro canale Telegram ufficiale cliccando qui).

 

IPTV: il tribunale di Milano da una stangata al servizio annullando l’accesso ad una delle piattaforme migliori in assoluto e gratuite

Più andiamo avanti negli anni, più il servizio illegale dell’IPTV si diffonde a dismisura sul territorio senza alcuna distinzione. Sono ormai centinaia di migliaia di utenti che hanno questo servizio in casa, e infatti le grandi aziende come addirittura Sky e Premium stanno provando a debellarlo.

Leggi anche:  IPTV, con il “pezzotto” Sky è gratis ma è un rischio altissimo per i clienti

Durante queste ultime settimane è arrivata la sentenza del tribunale di Milano che finalmente ha dato una stangata al servizio pirata. Infatti tutti i grandi gestori che si occupano del panorama telefonico fisso nel paese, dovranno oscurare obbligatoriamente il noto sito No Freeze IPTV. Per questo, tutti coloro che hanno in casa un gestore come Tim, Vodafone, Wind o Fastweb, potranno trovarsi improvvisamente senza IPTV.