Vodafone prima chiamata in 5G

Vodafone si avvicina sempre più alla diffusione della nuova rete 5G a tutti i suoi clienti. Mentre in Spagna è imminente l’inizio del Mobile World Congress di Barcellona, Vodafone ha comunicato in una nota stampa di aver effettuato con successo la prima chiamata in 5G sulla sua rete. Nell’arco di quattro settimane, i test sono stati compiuti con tre diversi smartphone 5G che saranno presentati al MWC 2019. Durante le prove, Vodafone ha portato a termine una video chiamata in 5G con il 4K senza alcuna interruzione.

Inoltre, l’operatore sta investendo in diverse città europee per creare un’unica tecnologia di segnale radio in tutto il 98% della sua rete in UE, cosa che renderà più semplice aggiungere il 5G alla rete 4G già esistente.

 

Una video chiamata Vodafone 5G e tanti investimenti in UE

Continuano dunque gli investimenti da parte della società nelle più importanti città d’Europa, come ad esempio Milano dove Vodafone Italia ha speso 90 milioni di euro per costruire la prima rete 5G in Italia. Stanziati inoltre 10 milioni di euro in quattro anni per il concorso “Action for 5G” dedicato a start-up, PMI e imprese sociali italiane.

Leggi anche:  Vodafone e 3 Italia: arriva internet illimitato il 4G e 5G con 2 offerte

Intanto Vodafone UK ha portato significativi risultati nell’innovazione delle reti, sperimentando il 5G in sette città e completando con successo la prima chiamata olografica del paese già nel settembre 2018.

Vodafone Germania, invece, sta implementando lo standard 5G nella guida connessa e autonoma in prospettiva futura, utilizzando il suo Mobility Lab e la pista di collaudo automatica vicino Dusseldorf. Sta lavorando inoltre con l’emittente WDR per fornire contenuti on demand su rete 5G.

Infine ritorniamo a Vodafone Spagna, dove l’operatore ha dei siti 5G in sei città. La ricerca in campo medico passa da un intervento chirurgico in 5G nell’Hospital Clinic di Barcellona. Lavorando da remoto, un chirurgo specialista sarà in grado di guidare un’operazione condotta da un altro chirurgo senza essere fisicamente presente.