microsoft

Un gruppo di lavoratori Microsoft sta chiedendo alla compagnia di abbandonare il suo contratto multimilionario di HoloLens con l’esercito americano.

Siamo una coalizione globale di lavoratori Microsoft e ci rifiutiamo di creare tecnologie per la guerra e l’oppressione“, ha dichiarato il gruppo in una lettera aperta al CEO Satya Nadella e al presidente e direttore legale Brad Smith. Il gruppo ha pubblicato la lettera su Twitter venerdì.

A nome dei lavoratori di Microsoft, stiamo rilasciando una lettera aperta a Brad Smith e Satya Nadella, chiedendo la cancellazione del contratto IVAS con una richiesta di linee guida etiche più severe.

Siamo allarmati dal fatto che Microsoft stia lavorando per fornire tecnologia militare alle forze armate statunitensi“, continua la lettera, “Non abbiamo firmato per sviluppare armi, e chiediamo di avere diritto di risposta vedendo il modo in cui viene utilizzato il nostro lavoro.

A novembre, Microsoft ha firmato un contratto da 480 milioni di dollari per fornire all’Esercito prototipi di sistemi di realtà aumentata gestiti da HoloLens da utilizzare in missioni di combattimento e addestramento. Il mese precedente, la centrale tecnologica aveva affermato che, nonostante le questioni etiche, il lavoro nel campo della difesa ha dato all’azienda luno spunto su come sarebbero state utilizzate queste nuove tecnologie.

Leggi anche:  Bill Gates rivela le tecnologie future che rivoluzioneranno le nostre vite

In risposta alla lettera del venerdì, la società ha pubblicato sul blog una risposta sulle questioni relative al lavoro con i militari e ha dichiarato di essere favorevole alla sua decisione di fornire tecnologia alle forze statunitensi.

 

I commenti della società a riguardo

“Abbiamo dato a questo problema un’attenta considerazione e delineato la nostra prospettiva“, ha detto in una nota un portavoce di Microsoft. “Apprezziamo sempre i feedback dei dipendenti e forniamo molte strade per far sentire le loro voci.”

L’anno scorso, i dipendenti di Google hanno respinto l’idea di intraprendere un percorso in collaborazione con il Pentagono: il Progetto Maven, un’iniziativa per utilizzare l’intelligenza artificiale per migliorare l’analisi delle riprese di droni. Una manciata di dipendenti di Google ha dato le dimissioni, e in aprile oltre 4.000 lavoratori hanno firmato una petizione indirizzata al CEO Sundar Pichai chiedendo la cancellazione del progetto. A giugno, Google ha dichiarato che non rinnoverà il contratto Maven o perseguirà contratti simili, anche se continuerà a collaborare con i militari.