Sono sempre di più i clienti Vodafone, TIM, Wind e Tre che segnalano di essersi ritrovati improvvisamente, e apparentemente senza una reale motivazione, col credito telefonico svuotato. Una delle cause più frequenti che provocherebbe la riduzione del credito residuo in un batter d’occhio consisterebbe nell’avere un abbonamento truffa, o in altre parole, un servizio a pagamento non richiesto attivo sul proprio numero telefonico di cui spesso il cliente non è neppure a conoscenza.

Gli abbonamenti truffa vengono infatti attivati ad insaputa del cliente attraverso diverse modalità. In alcuni casi, ad attivare tali servizi a pagamento potrebbe essere lo stesso utente che, navigando in Internet dal proprio dispositivo, nel tentativo di chiudere un fastidioso pop-up o un annuncio pubblicitario, clicca su tale finestra per poi essere rimandato alla pagina del servizio in questione che viene poi automaticamente attivato sul suo numero. In altri casi, invece, ad attivare gli abbonamenti truffa sono i falsi operatori di call center che mettono in campo diverse strategie per truffare il malcapitato di turno. Una delle più recenti soluzioni sarebbe quella di porre delle semplici domande al cliente in modo tale da indurlo a pronunciare un semplice . Tale parola subirebbe poi un lavoro di montaggio audio per poi essere utilizzata in contesti completamente differenti, ad esempio per attivare servizi a pagamento non richiesti (consigliamo la lettura di questo articolo per ricevere maggiore informazioni a riguardo).

Leggi anche:  Truffa Unicredit, Sanpaolo e BNL addio: arriva la novità salva-conto

Cosa fare, dunque, per difendersi dall’attivazione degli abbonamenti truffa?

Credito Tim, Vodafone, Wind e Tre svuotato: attenzione agli abbonamenti truffa, come difendersi

La soluzione più semplice ed efficace consiste nel rivolgersi al proprio operatore telefonico e richiedere il blocco preventivo dell’attivazione di servizi a pagamento non richiesti, trattandosi questo di un servizio che TIM, Vodafone, Wind e Tre offrono ai loro clienti. In secondo luogo, si consiglia di navigare in modalità desktop, in modo tale da avere una panoramica della pagina web visitata ed evitare di cliccare su banner pubblicitari e pop-up che sbucano dal nulla. Infine, per difendersi dalle truffe telefoniche, consigliamo di scaricare sul proprio dispositivo un’apposita applicazione che blocca in automatico tutte le chiamate indesiderate, comprese quelle ricevute dai falsi operatori di call center. In questo caso, consigliamo la lettura di questo articolo per scoprire quali sono le migliori applicazioni da avere sul proprio smartphone.