facebook-regno-unito

L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg incontrerà finalmente un rappresentante del governo britannico dopo che un rapporto di un parlamentare del Regno Unito questa settimana ha puntato il dito sul  social media definendolo come un “gangster digitale“.

Secondo The Guardian, il segretario alla cultura del Regno Unito, Jeremy Wright è volato giovedì sul quartier generale di Facebook in California per parlare con Zuckerberg di persona. L’amministratore delegato di Facebook ha respinto le ripetute richieste da parte del parlamento del Regno Unito di rispondere alle domande su questioni quali la disinformazione e riservatezza dei dati.

“I cittadini britannici hanno legittime preoccupazioni sulla loro sicurezza online e, come governo responsabile, stiamo prendendo provvedimenti“, ha dichiarato Wright, capo del dipartimento britannico per il digitale, la cultura, i media e lo sport (DCMS), in un comunicato stampa . Mentre negli Stati Uniti, Wright incontrerà anche i rappresentanti di Twitter, Google, YouTube e Apple.

Leggi anche:  Facebook usato dagli hacker per diffondere malware: l'Operazione Tripoli

 

Wright potrà parlare con Zuckerberg solo per 30 minuti

BBC News riporta che Wright avrà solo 30 minuti per parlare con Zuckerberg. Tuttavia, dovrebbe essere in grado di mantenere l’attenzione dell’amministratore delegato dato che il Regno Unito sta attualmente preparando nuovi regolamenti che renderanno le piattaforme online più sicure per i contenuti pubblicati sui loro siti e app. Wright ha detto tanto nel suo comunicato stampa, sottolineando che “l’era dell’auto-regolamentazione sta volgendo al termine“.

Il Regno Unito dovrebbe annunciare il suo nuovo quadro normativo nelle prossime settimane. I rapporti suggeriscono che il framework non renderà le piattaforme responsabili dei contenuti come gli editori tradizionali, ma che ci saranno nuove restrizioni, oltre a un possibile regolatore indipendente e codice etico obbligatorio.