Tragedia a New York, una bambina di soli 9 anni si è tolta la vita dopo che le è stato vietato di utilizzare il telefonino. Lo spiacevole accaduto ha avuto luogo nel quartiere del Bronx, per l’esattezza, all’inizio di una normale mattinata poi diventata tragedia.

La giovane ragazzina di circa 9 anni appena sveglia ha chiesto di poter usare il telefonino di sua madre, per navigare online, in particolare sulla nota piattaforma di Youtube. Nonostante le varie richieste di poter aver accesso al dispositivo, la madre di questa bambina le ha detto fosse decisamente troppo presto per usarlo, ritenendo dunque l’orario inappropriato. Poco dopo il permesso negato, la bambina ha deciso di togliersi la vita.

A 9 anni, una bambina del Bronx si è impiccata dopo che la madre le ha impedito di usare il telefonino

La bambina ha preso una cintura trovata in casa e l’ha usata come cappio intorno al collo. Purtroppo è stata proprio la madre a trovare il cadavere di sua figlia poco dopo il tragico accaduto. Stando a quanto detto dal New York Post, non si sa bene quale sia la dinamica. Infatti, non si sa se la bambina ad esempio abbia lasciato un biglietto o qualsiasi tipo di post-it poco prima di impiccarsi.

Leggi anche:  Google Digital Wellbeing in arrivo su tutti i dispositivi Android

I vicini di casa, però, pare abbiano dichiarato che la bambina era sempre con il telefonino, dipendente, costantemente incollata allo schermo, esattamente come i suoi quattro fratelli. Probabilmente ne è consapevole anche la madre di questi bambini, che non si aspettava di certo un gesto del genere. La vicenda sicuramente non lascia indifferenti, la tecnologia a volte è letale, è importante cercare di prevenire che un evento così tragico possa ripetersi.