Quando abbiamo superato la prima metà di febbraio per gli utenti TIM c’è una certezza: il gruppo di telefonia nazionale ha deciso di chiudere questi due servizi aggiuntivi ai piani ricaricabile ed in abbonamento. Il primo servizio a salutare definitivamente è Studio+, l’app per i contenuti video in streaming; il secondo servizio non più presente è DAZN collegato ad un piano TIMVision.

 

TIM, a febbraio Studio+ e DAZN non sono più disponibili per i clienti

Il primo caso è quello che spicca di più all’occhio. Il gruppo Vivendi (che ricordiamo è azionista primario della stessa TIM) ha chiuso l’esperienza di Studio+. L’applicazione pensante per la distribuzione di serie tv alternative dalla breve durata paga il non essere riuscito a catturare il grande pubblico.

Per Studio+ non vi è mai stato un seguito maestoso da parte dei potenziali clienti ed anche l’impatto dell’opinione pubblica non è stato tale da invertire la rotta. Dopo un anno e mezzo di lavoro, quindi, è arrivata la chiusura. A febbraio, quindi, Studio+ non è più sponsorizzato come servizio di TIM.

Leggi anche:  Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad: le nuove offerte lasciano senza fiato tutti

Capitolo DAZN. Se fino allo scorso mese di gennaio, chi attivava un piano TIMvision (con annessa acquisto di TIM Box) riscattava 4 mesi free per la piattaforma di streaming, ora la promozione non è più disponibile. Non risultano ora attive iniziative tra il provider di telefonia e DAZN per piani gratuiti relativi a calcio e sport. A differenza di Studio+, nelle prossime settimane – considerata anche la partnership stretta la scorsa estate tra le due compagnie – potrebbero esserci novità positive.