huawei-ban-stati-uniti-australia-regno-unito

Gli Stati Uniti potrebbero aver avuto un certo successo nel persuadere gli alleati a vietare le apparecchiature Huawei, ma non tutti sono convinti dell’esistenza di una minaccia. Fonti del Financial Times affermano che il National Cyber ​​Security Center del Regno Unito ha scoperto che può limitare i rischi dell’utilizzo delle apparechiature Huawei senza vietarne completamente il funzionamento. Ciò potrebbe includere l’utilizzo di una varietà di fornitori e la limitazione di alcune parti delle reti 5G.

Un portavoce del dipartimento Digital, Cultura, Media e Sport ha detto al FT che la revisione della sicurezza 5G era “continua” e che le decisioni definitive erano “imprecise”. Quest’ultima affermazione non contraddice le ultime voci. È possibile che il NCSC abbia escluso un divieto generalizzato, ma non si sia formalmente deciso su cosa fare in risposta.

Huawei è gia stata bannata da Stati Uniti e Australia

Se questa è la conclusione dell’agenzia, ciò potrebbe far saltare i piani degli Stati Uniti. Funzionari americani hanno sostenuto che Huawei potrebbe usare le sue apparecchiature per spiare a nome della Cina nonostante la mancanza di prove pubbliche. Essi sono riusciti a ottenere alcuni divieti sia in patria che in nazioni alleate come l’Australia.

Leggi anche:  Huawei Nova 5i: Geekbench ci svela la presenza di ben 6 GB di RAM

Questo è al di sopra delle frodi e delle accuse di segreti commerciali contro la compagnia. Se il Regno Unito rifiuta questo punto di vista, gli Stati Uniti avranno difficoltà a persuadere altri paesi a sbarazzarsi di Huawei. Il Regno Unito ha accesso ad alcuni dei più sensibili servizi segreti statunitensi disponibili. Se loro non sono eccessivamente preoccupati per Huawei, altri alleati potrebbero seguire questo pensiero.