privacy

Il revisore capo del governo federale ha raccomandato al Congresso di redigere una nuova legislazione per rafforzare la protezione della privacy dei dati di internet dei consumatori. molto simile alla Regolatio sulla protezione dei dati dell’UE.

La raccomandazione è stata inclusa in un rapporto di 56 pagine in PDF pubblicato mercoledì dal Government Accountability Office, l’agenzia governativa che fornisce servizi di revisione, valutazione e investigativi per il Congresso. Il rapporto è stato preparato su richiesta due anni fa dal rappresentante Frank Pallone, Presidente della commissione Energia e commercio della Camera, che ha programmato un’audizione per discutere l’argomento per il 26 febbraio.

“Da quando ho richiesto questo rapporto, la necessità di una completa legislazione sulla privacy e sulla sicurezza dei dati a livello federale è diventata solo più evidente“, ha dichiarato Pallone in una nota. “Dallo scandalo Cambridge Analytica alle divulgazioni non autorizzate dei dati di localizzazione in tempo reale, la privacy dei consumatori viene violata online e offline in modi allarmanti e pericolosi.

Leggi anche:  Facebook, multa da 1 milione in Italia per lo scandalo Cambridge Analytica

 

Secondo il GAO la FTC non basta per tutelare i consumatori

Nel formulare la sua raccomandazione, il GAO ha citato lo scandalo di Cambridge Analytica su Facebook, affermando che l’episodio è stato solo uno dei tanti recenti episodi di privacy su Internet in cui i dati personali degli utenti potrebbero essere stati divulgati in modo evidente.

Il GAO suggerisce di conferire alla Federal Trade Commission maggiore autorità sull’applicazione della privacy su Internet, ma ha anche sollevato preoccupazioni in merito alle capacità di esecuzione della commissione. Notando che la FTC è già un’autorità de facto sulla privacy in Internet negli Stati Uniti, il GAO ha rilevato che questa società ha presentato 101 azioni per la tutela della privacy su internet negli ultimi dieci anni. Quasi tutti questi casi hanno portato ad accordi transattivi e, nella maggior parte dei casi, non sono state emesse ammende perché l’FTC non aveva l’autorità in quei casi.