ia-google

Google ha esplorato lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale utilizzando i videogiochi. E, questa volta, le “vittime” sono state i giocatori professionisti del vecchio ma ancora popolare Starcraft II.

Starcraft II è un gioco di strategia in tempo reale che richiede la gestione continua di molteplici aspetti, come l’estrazione di risorse, la costruzione e la protezione della sua base e la preparazione per l’offensiva contro i giocatori nemici.

Ancora una volta, Deep Mind AI AlphaStar Google ha dimostrato di essere praticamente imbattibile, avendo sconfitto i giocatori professionisti – che hanno la capacità quasi “sovrumano” per fare centinaia di azioni al minuto sulla tastiera – con dieci vittorie consecutive e una sola sconfitta (sei dispiaciuto per gli umani?).

Come al solito, il sistema inizia “imparando” e giocando contro gli avversari artificiali creati dal gioco stesso, con livello di difficoltà progressivo. Dopo aver colpito questi avversari, ha generato centinaia di varianti di se stesso, eseguendo migliaia di battaglie l’uno contro l’altro, fino a quando ha determinato le varianti più probabili di successo.

Leggi anche:  Intelligenza Artificiale: il Mise verso le prime regole etiche per l'AI

È interessante notare che, mentre si poteva presumere che l’IA di Google avrebbe battuto gli umani essendo in grado di fare molte più azioni al minuto dei giocatori, era vero il contrario: il sistema eseguiva circa metà delle azioni (277 e 559, rispettivamente) e ci è voluto più tempo per reagire, prendendo sempre decisioni che in seguito si sono dimostrate corrette.

Mentre StarCraft è ‘solo’ un gioco (troppo complesso!), sono entusiasta che le tecniche dietro il #AlphaStar possono essere utili in altri problemi, come il tempo e la modellazione del clima, che coinvolgono anche le previsioni di molto lunghe sequenze“, ha scritto Demis Hassabis, CEO e co-fondatore di DeepMind su Twitter.