google-donne

Al fine di combattere le disuguaglianze sociali – in particolare di genere – i motori di ricerca come Google, hanno cambiato alcune politiche degli ultimi anni, lasciando ad esempio la possibilità di offrire suggerimenti sulla ricerca relativa al termine ‘donna’.

La decisione di Google di interrompere l’invio di suggerimenti per le ricerche relative alla parola “donna” è stata presa dopo una polemica sul completamento automatico, esposta in una campagna creata dalle Nazioni Unite (ONU), in collaborazione con l’agenzia pubblicità Memac Ogilvy & Mather Dubai.

Le donne non dovrebbero avere diritti” , “le donne non dovrebbero votare” e “le donne non dovrebbero lavorare” sono stati alcuni dei suggerimenti sessisti e discriminatori che hanno motivato la campagna e sono stati rimossi da Google Instant – servizio di completamento automatico che suggerisce lettere e parole per completare una query.

Se hai cercato “donne non possono” , Google inserirà automaticamente suggerimenti come “guida” , “essere degno di fiducia” o “parlare in chiesa”. Con “le donne non dovrebbero”, è apparso “avere il diritto di voto” e “di lavorare”. Già nella ricerca “le donne devono“, hanno attraversato “stare a casa”, “essere schiave” o “essere in cucina”. Se digiti “le donne hanno bisogno” appaiono frasi come “essere messo in atto”, “conoscere il loro posto”, “essere controllate” e “essere disciplinate”.

Leggi anche:  Google utilizza DeepMind ML per migliorare la produzione dei parchi eolici

Cosa cambia

Questa realtà, tuttavia, è cambiata. Attualmente, quando si scrive sul motore di ricerca Google “le donne dovrebbero”, è possibile controllare che non vengono presentate proposte, al contrario di ciò che accade quando la ricerca inizia “gli uomini sono”.

E non dobbiamo andare così lontano: se scriviamo solo il termine “donna” o “donne”, il motore di ricerca non presenta alcun suggerimento. In opposizione, se scriviamo “uomo” o “maschio”, ne sorgono immediatamente diversi.