112 where are u

Nasce la nuova app “112 Where ARE U“, un servizio che permette di accedere al Numero di Emergenza Europeo 112 inviando automaticamente i vostri dati di geolocalizzazione e le tante altre informazioni utili per dare modo ai soccorritori di gestire il più veloce possibile la richiesta di intervento.

Il 112 è diventato da un po’ di tempo il numero telefonico di riferimento per tutti i cittadini europei. Digitando le tre cifre sul vostro smartphone con TIM, Wind 3, Vodafone, Iliad o di altri operatori virtuali potrete inviare richieste di emergenza ai reparti competenti. Dal Soccorso Sanitario, ai Vigili del Fuoco o alle Forze dell’Ordine, tutti verranno allertati dalla stessa Centrale Operativa di competenza che localizzerà il cittadino richiedente l’intervento.

 

112 Where ARE U: come funziona su TIM, Wind 3, Vodafone e Iliad

112 Where Are U funziona indipendentemente dal vostro operatore di telefonia di appartenenza. Si occupa di salvare i dati personali dell’utente, inclusi i numeri di emergenza designati dall’utente stesso e che potranno essere chiamati dalla Centrale Operativa 112 in caso di necessità.

Leggi anche:  AGCOM: eccocome testare il 4G e 5G di TIM, Vodafone, Wind e Tre

L’interfaccia dell’applicazione ora appare più semplice e intuitiva, grazie anche all’inserimento della mappatura dei pulsanti anche per ipovedenti e la funzionalità “chiamata silenziosa“, per consentire anche a chi non può parlare di contattare il servizio di emergenza 112.

Con 112 Where Are U, dalla vostra SIM Tim, Wind 3, Vodafone e Iliad è possibile effettuare la chiamata al 112 oppure segnalare direttamente il tipo di emergenza che si vuole allertare attraverso il menu “chiamata vocale”. Il numero di emergenza cambia automaticamente a seconda del paese in cui l’utente si trova, sfruttando i servizi di localizzazione.

Per utilizzare l’app 112 Where ARE U occorre registrare un account. Il servizio è disponibile per Android gratis in cambio delle autorizzazioni per l’accesso a: contatti, posizione, telefono, SMS, ID dispositivo e dati sulle chiamate, informazioni sulla connessione Wi-Fi, foto, elementi multimediali e file.