Costi nascosti

Sono ormai agli occhi di tutti, i prezzi bassi che caratterizzano il mercato telefonico; se fino a qualche anno fa la scelta si limitava solo ai storici gestori telefonici Wind, Vodafone, 3 Italia e Tim oggi, abbiamo un’ampia scelta. Gli storici gestori appena citati, hanno deciso di abbassare i loro prezzi tariffari da quando hanno visto che i consumatori, preferiscono diventare clienti dei vari gestori telefonici virtuali; in questo modo, il mercato telefonico ha subito un forte cambiamento.

Gestori telefonici Tim, Wind, 3 Italia e Vodafone: i loro prezzi sono spesso ingannevoli

Anche se i prezzi delle tariffe si presentano a primo impatto molto economici, spesso non è proprio così; i consumatori che stanno attivando una nuova SIM dovrebbero prestare maggiore attenzione durante l’attivazione. Per quale motivo? Molte volte, i vari gestori telefonici modificano il contratto telefonico (sempre nei limiti del lecito) e aggiungono nuovi costi per i loro amati clienti.

E’ molto importante, leggere attentamente ogni clausola scritta nel contratto e da non sottovalutare, quelle poche righe scritte in carattere minuscolo che potrebbero dare il via libera ai gestori telefonici; comunque, prima che il gestore telefonico aggiunga ulteriori costi il cliente, deve essere necessariamente avvisato della futura spesa tramite un SMS.

Leggi anche:  AGCOM: al via il Call Center 800442299 anti truffe sugli abbonamenti

L’incubo peggiore per i clienti, sono i costi nascosti degli abbonamenti: oroscopo, test di coppia, chat erotiche e tanti altri, che si attivano senza dover firmare alcun contratto e non necessitano di nessun numero di carta prepagata; si attivano spesso in automatico e il loro costo, viene detratto direttamente dal credito residuo. In questi casi, il cliente può disdire tali servizi chiamando il Servizio Clienti o rivolgersi all’AGCOM.