Per chi non lo sapesse, registrare le chiamate telefoniche è possibile con gli operatori Tim, Vodafone, Wind Tre ed Iliad. Se desideriamo per qualsiasi motivo registrare una chiamata bisogna informare l’interlocutore e allo stesspo tempo non può essere divulgata in pubblico, come previsto dalla legge italiana.

Se pensate che effettuare una registrazione sia un’azione illegale, vi sbagliate di grosso. Come vi abbiamo accennato nelle righe precedenti è tutto legale, a patto che si rispetta la norma in vigore.

Fatte queste premesse, iniziamo ad entrare più dettagliatamente nel discorso ed è per questo che i clienti intenzionati a registrare le chiamate telefoniche possono affidarsi a queste semplici applicazioni: Cube Call Recorder ACR, Call Recorder e TapeACall.

 

Cube Call Recorder ACR, Call Recorder e TapeACall

Le tre applicazioni appena elencate consentono a tutti gli utenti di registrare la conversazione durante una chiamata.

Leggi anche:  Instagram vuole togliere i like per ridurre l’attenzione sulle Vanity Metrics

L’applicazione Cube Call Recorder ACR non solo include questo tipo di funzione, ma offre ai clienti di registare la chiamata anche se viene effettuata sui social network. Quindi, se riceviamo chiamate da WhatsApp, Skype, Messenger o Telegram possiamo eseguire ugualmente la registrazione con l’utilizzo di tale applicazione.

La seconda applicazione, ovvero Call Recorder, è scaricabile sia sui dispositivi Android che su quelli Apple. Per consentire la registrazione delle chiamate, appena viene aperta l’applicazione bisogna accettare alcune autorizzazioni per eseguire l’utilizzo.

Infine, l’applicazione TapeACall che viene divisa in due versioni: una gratuita ed un’altra a pagamento. Per la versione gratuita si possono registrare solamente i primi 60 secondi della conversazione, mentre per la versione a pagamento non ci sono limiti ed è previsto un costo di 9,99 Euro.