Gli SMS hanno sviluppato la comunicazione mobile, facendola diventare sempre più importante per i consumatori; non è altro che la sigla di Short Message Service è consiste nello scambio di messaggi di breve testo. Gli Short Message Service nascono nel 1984 da Matti Makkonen; l’idea iniziale era quella di soddisfare i bisogni dei gestori telefonici che dovevano comunicare ai propri clienti informazioni relative alla propria tariffa. Infatti, i consumatori inizialmente non potevano rispondere ai messaggi perché potevano essere inviati solo dai gestori telefonici.

SMS o Whatsapp: i risultati di uno studio sconvolgono tutti i consumatori

Con il passare degli anni, la comunicazione mobile ha avuto forti mutamenti e i consumatori utilizzano sempre di più il messaggio perché è veloce e economico; da qualche anno esistono le applicazioni di messaggistica istantanea che permettono agli utenti di scambiare messaggi di testo, contenuti multimediali e documenti in pdf tramite una connessione Internet. Sono utilizzate da tutti i consumatori, dai più piccoli ai più grandi e le applicazioni più scaricate sono whatsapp telegram; ma secondo uno studio condotto da Commify i consumatori preferiscono gli SMS invece di utilizzare le piattaforme di messaggistica istantanea. I motivi sono per il quale preferiscono utilizzare gli SMS sono:

  1. Gli SMS non devono essere scaricati dall’utente perché sono già preistallati in tutti gli smartphone;
  2. Gli SMS non hanno bisogno di una connessione Internet per funzionare e di conseguenza, i consumatori ricevono e inviano in qualsiasi momento l’SMS.
Leggi anche:  WhatsApp, tre trucchi per scappare da un gruppo senza lasciar traccia

Questi sono i motivi principali per il quale i consumatori preferiscono gli SMS a Whatsapp Telegram; tali motivi, permettono una comunicazione proficua.